Massima numero 17 del 04 settembre 2019

Procedimento sanzionatorio avviato ex art. 54 bis co. 6 primo periodo del D.lgs. n. 165/2001 nei confronti di (omissis) per l’adozione di misure ritorsive nei confronti del dipendente che segnala illeciti ai sensi dell’art 54 bis co. 1 d.lgs. 165/2001.

vai alla delibera

Riferimenti normativi: art. 54 bis, comma 1 e comma 6, primo periodo, del d.lgs. 30 marzo 2001, n. 165, come modificato dall’art. 1 della l. 30 novembre 2017, n. 179.

Parole chiave: whistleblower –obbligo di inoltrare–RPCT– codice comportamento – destinatari – segnalazione– art. 54 bis d.lgs. 165/2001

 Il dettato normativo di cui all’art 54 bis d.lgs. 165/2001 non consente di prevedere, all’interno del codice di comportamento di una amministrazione, l’obbligo del dipendente pubblico di inoltrare anche al RPCT dell’amministrazione e all’ANAC le denunce da costui presentate all’Autorità giudiziaria. L’art 54 bis d.lgs. 165/2001, infatti, utilizzando la congiunzione “o”, pone i diversi organi destinatari della segnalazione in alternativa tra loro e non impone in alcun modo un obbligo di segnalazione congiunta. D’altronde, se si imponesse al denunciante di effettuare sempre la segnalazione anche al RPCT, si priverebbe il dipendente di tutela in tutti quei casi in cui sia lo stesso RPCT ad essere coinvolto nell’illecito.