Massima numero 18 del 17 febbraio 2016

Istanza di parere per la soluzione delle controversie ex articolo 6, comma 7, lettera n) del d.lgs. 163/2006 presentata da Future Service S.r.l. – Procedura aperta per l’affidamento di attività di supporto alla gestione delle entrate tributarie, extratributarie e patrimoniali del Comune di Squinzano, dalla fase di accertamento a quella propedeutica alla riscossione coattiva fino all’emissione e notifica dell’ingiunzione fiscale, comprese quelle connesse e strutturali – Criterio di aggiudicazione: offerta economicamente più vantaggiosa – Importo a base di gara: euro 490.000,00 – S.A.: Comune di Squinzano (LE)

vai alla delibera

Riferimenti normativi: Art. 41, comma 1, lett. c), d.lgs. 163/2006 Art. 42, comma 1, lett. g), d.lgs. 163/2006 – Art. 41 Cost.

Parole chiave: Requisito di capacità economico-finanziaria – Fatturato globale per attività analoghe nel triennio antecedente Requisito di capacità tecnica e professionale – Richiesta di personale dipendente

La stazione appaltante può richiedere nel bando di gara un fatturato globale d’impresa per attività analoghe a quelle oggetto di affidamento pari ad un ammontare fino al doppio dell’importo posto a base di gara.

 

La stazione appaltante può inserire in un bando di gara una clausola che prevede come requisito di capacità tecnico-organizzativo la presenza di un numero di unità lavorative non inferiore a venti, di cui quindici impiegate a tempo pieno, ove giustificata dalla pluralità e dalla tipologia delle attività da svolgere in maniera continuativa ai fini dell’erogazione dei servizi pubblici in affidamento, ma non può richiedere che l’assunzione delle unità lavorative avvenga con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato in quanto una tale clausola è in contrasto con l’art. 41 Cost. e con i principi di ragionevolezza e concorrenzialità.