Massima numero 31 del 02 marzo 2016

Istanze di parere per la soluzione delle controversie ex art. 6, comma 7, lettera n) del d.lgs.163/2006 presentate da Gielle di Galantucci Luigi e da Elisicilia S.r.l. – Procedura aperta per l’appalto del servizio antincendio, ispezione pista e vie di rullaggio e servizio prevenzione e controllo volatili e altra fauna selvatica nell’aeroporto di Roma Urbe – Importo a base di gara: euro 382.000,00 - S.A. ENAC – Ente Nazionale per l’Aviazione Civile

vai alla delibera

Riferimenti normativi: Art. 69, art. 82, co. 3-bis, art. 86, co. 3-bis, art. 87, co. 3 e 88, co. 1-bis d.lgs. 12 aprile 2006, n. 163

Parole chiave: Costo del lavoro – congruità dell’offerta – giustificazioni – contratto collettivo – clausola sociale

Il procedimento di verifica dell’anomalia dell’offerta è ampiamente discrezionale e può essere sindacato solo in caso di macroscopica irragionevolezza o di decisivo errore di fatto.
La clausola sociale recante l’obbligo di prioritario assorbimento e utilizzo del personale già impiegato dal precedente affidatario per il periodo di durata dell’appalto va intesa “subordinatamente alla compatibilità con l’organizzazione d’impresa dell’appaltatore subentrante”. La clausola sociale non può imporre all’impresa subentrante di prescegliere un determinato contratto collettivo, potendo questa scegliere diverso contratto collettivo, applicabile all’oggetto dell’appalto, che salvaguardi i livelli retributivi dei lavoratori riassorbiti in modo adeguato e congruo.