Massima numero 116 del 21 settembre 2016

Istanza di parere per la soluzione delle controversie ex articolo 6, comma 7, lettera n) del d.lgs. 163/2006 presentata da Teorema Spa – Anconambiente - Procedura aperta per l’affidamento dell’appalto di realizzazione del capping definitivo della discarica sita in località Galloppo del comune di Chiaravalle (AN) – Importo a base di gara: € 3.191.761,87 - Criterio di aggiudicazione: prezzo più basso

vai alla delibera

Riferimenti normativi: Art. 38, D. lgs 163/2006

Parole chiave: Requisiti di ordine generale – Eccedenza rispetto all’art. 38, Codice – Procedimento di gara - Principio di non aggravamento - Dichiarazione di moralità - Procuratore speciale – Sottoscrizione - Soccorso istruttorio – Elementi eccedenti e non dovuti

La  richiesta di una dichiarazione di moralità più onerosa di quanto richiesto  dall’art. 38, Codice, contrasta con il principio di buon andamento e non  aggravamento del procedimento ex art. 1 comma 2, L. 7 agosto 1990, n. 241, in  quanto verrebbe ingiustificatamente introdotto un ulteriore presupposto di  partecipazione, a pena di esclusione, non sorretto da reali esigenze  istruttorie
E’  illegittima l’esclusione dell’operatore economico che ha presentato la  dichiarazione ex art. 38, D.lgs 163/2006 sui requisiti di ordine generale  mediante compilazione di apposito modello sottoscritto da procuratore speciale  dotato dei poteri di rappresentanza relativi alle dichiarazioni di gara
E’  illegittima l’attivazione di soccorso istruttorio con applicazione di sanzione  nei confronti dell’odierno istante, al fine di richiedere l’integrazione di  elementi eccedenti e non dovuti.