Delibera numero 1204 del 23 novembre 2016

Prezzi di riferimento in ambito sanitario: servizio di ristorazione – Fascicolo REG/UCS/19/2016

(pubblicata nella Gazzetta Ufficiale – Serie Generale n. 2  del 3 gennaio 2017)

Il Consiglio dell’Autorità Nazionale Anticorruzione

Visto il decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50;
Visto l’articolo 19, comma 2, del decreto legge 24 giugno 2014, n. 90, convertito, con modificazioni, dalla legge 11 agosto 2014, n. 114, secondo cui i compiti e le funzioni svolti dall’Autorità di vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture sono trasferiti all’Autorità nazionale anticorruzione;
Visto l’art. 17, comma 1, lett. a) del decreto legge 6 luglio 2011, n. 98, convertito dalla legge 15 luglio 2011, n. 111 e ss.mm.ii., il quale prevede che l’ANAC fornisca «alle regioni un'elaborazione dei prezzi di riferimento, ivi compresi quelli eventualmente previsti dalle convenzioni Consip, anche ai sensi di quanto disposto all'articolo 11, alle condizioni di maggiore efficienza dei beni, ivi compresi i dispositivi medici ed i farmaci per uso ospedaliero, delle prestazioni e dei servizi sanitari e non sanitari individuati dall'Agenzia per i servizi sanitari regionali di cui all'articolo 5 del decreto legislativo 30 giugno 1993, n. 266, tra quelli di maggiore impatto in termini di costo a carico del Servizio sanitario nazionale, nonché la pubblicazione sul sito web dei prezzi unitari corrisposti dalle aziende sanitarie locali per gli acquisti di beni e servizi»;
Visto l’art. 17, comma 1, lett. a) del d.l. 98/2011 nella parte in cui stabilisce, altresì, che «Per prezzo di riferimento alle condizioni di maggiore efficienza si intende il 5° percentile, ovvero il 10° percentile, ovvero il 20° percentile, ovvero il 25° percentile dei prezzi rilevati per ciascun bene o servizio oggetto di analisi sulla base della significatività statistica e della eterogeneità dei beni e dei servizi riscontrate dal predetto Osservatorio. Il percentile è tanto più piccolo quanto maggiore risulta essere l'omogeneità del bene o del servizio. Il prezzo è rilasciato in presenza di almeno tre rilevazioni»;
Visti gli esiti dell’elaborazione dei prezzi di riferimento progressivamente pubblicati sul sito istituzionale dell’Autorità dal 1° luglio 2012 relativamente a molteplici categorie merceologiche tra le quali quella del servizio di ristorazione;
Vista la nota dell'Agenzia per i servizi sanitari regionali (Age.na.s.), prot. ANAC del 5 giugno 2013 n. 51939, con la quale è divisata l’opportunità di revisionare i prezzi di riferimento del servizio di ristorazione;
Considerata l’opportunità di fornire una nuova elaborazione dei prezzi di riferimento in parola, al fine di tener conto delle osservazioni formulate da Age.na.s., includendo nella rilevazione, tra l’altro, il maggior dettaglio dei servizi aggiuntivi e delle altre caratteristiche del servizio;
Visti gli esiti della Consultazione pubblica riguardante «Prezzi di riferimento in ambito sanitario – ex art.17 della Legge 111/2011», svoltasi nell’ottobre 2013, con la quale sono stati posti in consultazione, tra l’altro, i questionari predisposti per l’acquisizione delle informazioni funzionali alla elaborazione dei nuovi prezzi di riferimento;
Vista la nota di Age.na.s., prot. 27 dicembre 2013 n. 129823, con la quale sono state formulate delle osservazioni a seguito della predetta consultazione pubblica;
Visti i risultati della rilevazione dati del marzo-maggio 2014;
Vista la «Relazione tecnica congiunta ANAC/Istat riguardante la metodologia statistica per la determinazione del prezzo di riferimento del servizio di pulizia e sanificazione», sottoscritta in data 22 settembre 2015, con relativo «Documento tecnico», entrambi allegati alla Delibera dell’Autorità n. 213 del 2 marzo 2016, ove si definisce la metodologia adottata per la determinazione del prezzo di riferimento del servizio di pulizia e sanificazione e si precisa che la stessa è estensibile ad altri beni o servizi con analoghe caratteristiche;
Ritenuto che il servizio di ristorazione, ai fini della presente delibera, è un servizio con caratteristiche analoghe al servizio di pulizia e sanificazione e che, pertanto, allo stesso è applicabile la metodologia per la determinazione dei prezzi di riferimento del servizio di pulizia e sanificazione definita nella predetta Relazione tecnica congiunta ANAC/Istat;
Vista la Consultazione on line del progetto di delibera di approvazione dei «Prezzi di riferimento in ambito sanitario di cui all’art. 17, comma 1, lett. a), del d.l. 6 luglio 2011, n. 98 e ss.mm.ii - servizio di ristorazione», deliberata dal Consiglio nell’adunanza del 3 agosto 2016 e svoltasi dal 5 agosto al 12 settembre 2016, ad esito della quale sono pervenute n. 2 osservazioni da parte di soggetti interessati;
Visto il «Documento tecnico» allegato, denominato «Prezzi di riferimento in ambito sanitario: servizio di ristorazione», ove si definisce in maniera dettagliata la metodologia specificatamente adottata per la determinazione dei prezzi di riferimento del servizio di ristorazione;
Vista la «Relazione tecnica congiunta ANAC/Istat riguardante la metodologia statistica per la determinazione del prezzo di riferimento del servizio di ristorazione», sottoscritta in data 12 ottobre 2016, con la quale ANAC e Istat hanno condiviso il citato «Documento tecnico» denominato «Prezzi di riferimento in ambito sanitario: servizio di ristorazione», nel quale viene definita in maniera dettagliata la metodologia specificatamente adottata per la determinazione dei prezzi di riferimento del servizio di ristorazione;
Vista la «Guida operativa di ausilio al calcolo dei prezzi di riferimento del servizio di ristorazione» predisposta come ausilio per le stazioni appaltanti e gli operatori economici ai fini dell’applicazione e calcolo dei prezzi di riferimento del servizio di ristorazione;
Vista la relazione AIR allegata alla presente delibera;

DELIBERA

1. I prezzi di riferimento del servizio di ristorazione in ambito sanitario sono pubblicati  nell’«allegato A»alla presente delibera;
2. La presente delibera e il relativo «allegato A» (contenente i prezzi di riferimento) sono pubblicati sul sito istituzionale dell’Autorità, unitamente alla relazione AIR; sono altresì pubblicati sul sito la «Guida operativa di ausilio al calcolo dei prezzi di riferimento del servizio ristorazione», la «Relazione tecnica congiunta ANAC/Istat riguardante la metodologia statistica per la determinazione del prezzo di riferimento del servizio di ristorazione», nonché il «Documento tecnico» denominato «Prezzi di riferimento in ambito sanitario: servizio di ristorazione», nel quale viene definita in maniera dettagliata la metodologia specificatamente adottata per la determinazione dei prezzi di riferimento del servizio ristorazione;
3. Di dare avviso della suddetta pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

Approvata dal Consiglio nell’adunanza del 23novembre 2016

 

Il Presidente
Raffaele Cantone

Depositata presso la Segreteria del Consiglio in data 30 novembre 2016
Il Segretario: Maria Esposito

Allegato A
relazione AIR
Guida operativa di ausilio al calcolo dei prezzi di riferimento del servizio ristorazione
Relazione tecnica congiunta ANAC/Istat riguardante la metodologia statistica per la determinazione del prezzo di riferimento del servizio di ristorazione
Documento tecnico

Documento formato pdf

Sono infine pubblicati i dati trasmessi dalle stazioni appaltanti e utilizzati ai fini dell’elaborazione dei prezzi di riferimento

Dati trasmessi dalle stazioni appaltanti servizio di ristorazione