Delibera numero 13 del 08 aprile 2010

Parere della Commissione sulla richiesta del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per la nomina dei componenti dell’Organismo indipendente di valutazione (art. 14, co. 3, decreto legislativo n. 150/2009)

LA COMMISSIONE

visti gli articoli 13, comma 6, lett. g) e 14, commi 3 e 7, del decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150;

letta la delibera n. 04/2010 del 16 febbraio 2010 recante la definizione dei requisiti per la nomina dei componenti dell’Organismo indipendente di valutazione (OIV);

ESAMINATA

la richiesta di parere formulata, in data 2 marzo 2010 (con nota prot. 0008782), dal Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti avente ad oggetto la nomina dell’OIV;

PREMESSO

Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti richiede il parere di questa Commissione, prescritto dall’articolo 14, comma 3, del decreto legislativo n. 150 del 2009, in ordine alla nomina dell’OIV del ministero.

La richiesta di parere è formulata dal Ministro ed è accompagnata da una relazione illustrativa della scelta effettuata e dal curriculum vitae della persona alla cui nomina si intende procedere.

Sul piano organizzativo, l’Amministrazione ha optato per la costituzione dell’OIV in forma monocratica, in continuità con l’assetto scelto per il Servizio di Controllo Interno all’atto della recente riorganizzazione del ministero ed in quanto ritenuta confacente alle esigenze organizzative.

Il candidato su cui è ricaduta la scelta, il dott. Ciro Esposito, pur avendo un’età superiore a quella media indicata nella delibera di questa Commissione n. 4 del 2010, ha raggiunto, nella qualità di dirigente generale di ruolo del ministero ed, attualmente, di Direttore del Servizio di Controllo Interno, elevati livelli di professionalità nel campo del management, della valutazione della performance e della valutazione del personale delle amministrazioni pubbliche.

L’Amministrazione riferisce, infatti, che il candidato ha ideato ed attuato per il ministero il sistema di controllo di gestione (SIGEST), il sistema di controllo strategico (SISTRA), il sistema di valutazione dei dirigenti apicali e di quelli di prima e seconda fascia, il sistema di contabilità economica analitica (SICONT).

L’Amministrazione, inoltre, si sofferma analiticamente sulla valutazione dei requisiti posseduti dal candidato, con specifico riferimento alle tre aree indicate nella delibera n. 4 del 2010, e riferisce che tali requisiti sono stati accertati nel corso dei rapporti di diretta collaborazione con l’interessato in qualità di Direttore del Servizio di Controllo Interno ed a seguito dell’esame del curriculum dello stesso.

CONSIDERATO

1. Il parere sulla costituzione e la nomina dell’organismo interno di valutazione è stato richiesto correttamente dal Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti ai sensi dell’articolo 14, comma 3, del decreto legislativo n. 150 del 2009, che prevede che tale nomina avvenga “sentita la Commissione”, cui l’Amministrazione è tenuta a comunicare, ai sensi del comma 7 della medesima disposizione, i curricula dei componenti.

Trattasi a giudizio della Commissione di parere obbligatorio, perché prescritto per legge, ancorché non vincolante, non essendovi qualificazione in tal senso, anche se – secondo i principi – l’Amministrazione che intenda discostarsene è tenuta a fornire idonea motivazione.

La richiesta di parere è stata correttamente posta prima del decreto di nomina, dovendosi ritenere -secondo i principi – che i pareri si collochino all’interno del procedimento di formazione del provvedimento amministrativo cui si riferiscono e quindi, nella fattispecie in esame, prima dell’atto di nomina.

La Commissione, in sede di emanazione del parere, deve, in primo luogo, tener conto dei parametri normativi di riferimento concernenti la nomina dei componenti degli OIV (“elevata professionalità ed esperienza maturata nel campo del management, della valutazione della performance e della valutazione del personale delle amministrazioni pubbliche”) e l’attività che tali organismi sono chiamati ad espletare. Deve, altresì, valutare la coerenza della nomina proposta con i requisiti definiti dalla Commissione, ai sensi dell’articolo 13, comma 6, del decreto legislativo n. 150, con la menzionata delibera n. 4 del 2010.

2. Sul piano formale e procedurale si rileva che: la richiesta di parere è pervenuta dal Ministro; la scelta per la costituzione in forma monocratica dell’OIV è stata effettuata nella consapevole autonomia organizzatoria che appare non irragionevole, sia in relazione alle dimensioni ed alle peculiarità dell’amministrazione, sia in considerazione delle caratteristiche professionali della persona che si intende nominare; la richiesta di parere è accompagnata da una relazione analiticamente esplicativa, corredata come prescritto dal curriculum, e la scelta è avvenuta a seguito dell’esame del curriculum e dell’accertamento dei requisiti prescritti dalla delibera n. 4/2010 nel corso dei rapporti di diretta collaborazione con l’interessato in qualità di Direttore generale del Servizio di Controllo Interno.

Quindi, sul piano formale e procedurale, la richiesta di parere è da ritenere conforme a quanto indicato dalla Commissione nella delibera n. 4/2010.

Trattandosi, di un Organismo costituito in forma monocratica, l’Amministrazione è comunque sollecitata ad assicurare, in sede di costituzione della struttura tecnica permanente a supporto dell’Organismo, la presenza di quelle professionalità tecniche idonee ad assicurare all’Organismo il necessario supporto per l’espletamento dei compiti allo stesso demandati dalla vigente normativa (cfr. par. 2.5 della delibera n. 4/2010).

3. Per quanto riguarda la scelta del candidato, va rilevato che il dott. Esposito possiede i requisiti generali definiti dalla Commissione e non incorre nei requisiti ostativi di cui al par. 2.4 della delibera.

In particolare, rispetta i requisiti di cittadinanza nonché il requisito linguistico (inglese e francese) ed ha avanzate conoscenze informatiche. L’elevato livello di professionalità acquisita consente di considerare non irragionevole lo scostamento (essendo il candidato nato nel 1949) dall’età media indicata nella delibera n. 4/2010.

Il dott. Esposito è infatti in possesso di laurea in Ingegneria civile, sezione Trasporti ed è abilitato alla professione di Ingegnere ed all’insegnamento di Costruzioni, Tecnologia delle Costruzioni e Disegno Tecnico. Ha inoltre partecipato a numerosi corsi di formazione e specializzazione post-laurea in materia di scienza dell’Amministrazione applicata ai trasporti, gestione delle risorse umane, organizzazione del lavoro amministrativo, informatica, statistica, digitalizzazione della pubblica amministrazione, sicurezza sul lavoro.

Ha maturato una significativa esperienza professionale nell’ambito del controllo di gestione, assumendo, da ultimo, l’incarico di Direttore generale del Servizio di Controllo Interno del ministero. In tale qualità, ha avviato presso il ministero rilevanti innovazioni nei sistemi informativi a supporto del controllo di gestione, del controllo strategico, della valutazione dei dirigenti e della contabilità economica analitica.

Alla luce di tale impegno nell’avvio di sistemi innovativi, la nomina del dott. Esposito all’OIV si pone in continuità con il processo di cambiamento in atto.

4. La scelta del candidato è, infine, motivata adeguatamente anche in relazione all’accertamento delle caratteristiche personali, della capacità di promuovere e guidare processi innovativi e delle capacità relazionali: al riguardo, si evidenzia che l’interessato ha ampiamente dimostrato, nel corso della sua carriera, tali qualità con attestazioni in tal senso degli organi di indirizzo politico, non solo del ministero di appartenenza, ma anche di altre sedi istituzionali.

DELIBERA

di esprimere parere favorevole.

Roma, 8 aprile 2010

Il Presidente

Antonio Martone

Delibera n.13.2010