CONFCOOPERATIVE – Federlavoro e Servizi
                                                                                                     
“Bandi-tipo per l'affidamento dei contratti pubblici di servizi e forniture”

Consultazione on line dell’Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture – aprile 2013

 

Si ritiene di grande interesse e di forte utilità quanto definito dalla Determinazione n. 4/2012, con la quale l’Autorità ha fornito le prime indicazioni per la redazione dei bandi di gara ai sensi degli artt. 64, comma 4-bis e 46 comma 1-bis del dlgs 16/2006.
Un documento che definisca il quadro giuridico di riferimento sulla base del quale le stazioni appaltanti siano tenute a redigere la documentazione di gara in ordine alla individuazioni delle cause esclusive e di esclusione, costituisce un ottimo strumento di supporto per creare condizioni di accesso alle gare omogenee sul territorio nazionale ed evitare contenziosi che potrebbero rallentare le procedure e l’avvio dei lavori.
Di seguito alcune osservazioni tecniche:
Paragrafo 7.1, a pagina 16, fornisce indicazioni specifiche per la partecipazione de raggruppamenti temporanei, dei consorzi ordinari e dei consorzi stabili nulla dice sui consorzi fra cooperative di produzione e lavoro.
Nel predetto paragrafo viene, infatti, richiamato l’art. 275 del Regolamento il quale: “ prevede che, per i soggetti di cui all’art. 34, comma 1, lett. d), e), f), e f‐bis), del Codice (RTI, consorzi di concorrenti, GEIE, operatori economici stabiliti in altri Stati membri) (omissis…).
Niente viene detto, invece,  sui consorzi di cui alle lettere b) e c) dell’art. 34 comma 1,  D.Lgs 163/06, con la differenza sostanziale che il successivo art. 277 del Regolamento dispone regole precise per i consorzi stabili che vengono richiamate dal Bando Tipo.
Nulla viene stabilito per consorzi di cooperative di produzione e lavoro di cui alla lettera b) che viene specificamente richiamato, nel Bando tipo, solo al paragrafo 7 che regola la partecipazione plurima/contestuale.
Inoltre si sottolinea la necessità di tener conto, nella stesura dei bandi tipo, della questione costo della manodopera che molto spesso subisce pericolose oscillazioni, ove non sia addirittura oggetto di vero e proprio dumping contrattuale.