TAiiS

Consultazione on line. Osservazioni sul documento base “Linee guida per l’applicazione del criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa negli appalti di servizi e forniture”

Audizione presso per l’Autorità per la Vigilanza sui Contratti Pubblici di lavori, Servizi e Forniture del 9 giugno 2011

 

Le diverse Associazioni che compongono il TAiiS rilevano come sin dal Convegno promosso congiuntamente con le OOSSLL di riferimento (Filcams CGIL, Fisascat CISL, Uiltrasporti UIL, UILTUCS UIL, FP CGIL, FP CISL, UIL/FPL, FIT CISL, Filtea CGIL, Femca CISL, UILTA/UIL), tenutosi il 5 Novembre 2009 presso il CNEL, presente il Consigliere dell’Autorità di Vigilanza Alessandro Botto, si era evidenziata l’esigenza di una Determina dell’Autorità di vigilanza sui contratti pubblici concernente l’offerta economicamente più vantaggiosa riferita alle attività di servizio, in analogia alla Determina n. 5 dell' 8 Ottobre 2008, riferita all’ “Utilizzo del criterio dell'offerta economicamente più vantaggiosa negli appalti di lavori pubblici”.

Le diverse Associazioni che compongono il TAiiS ricordano inoltre il positivo confronto realizzato con l’AVCP nell’ambito dei lavori che hanno condotto alla presentazione, a Forum PA 2011, del “Libro Verde Patrimoni PA net, Analisi, indirizzi e proposte per il mercato dei servizi di gestione per i patrimoni pubblici”, che contiene anche significative riflessioni sul tema dell’offerta economicamente più vantaggiosa nei servizi.

Fatti questi brevi e non esaustivi richiami “storici” al lavoro comune svolto dal TAiiS con l’AVCP sul tema specifico dell’offerta economicamente più vantaggiosa, non si può non esprimere pieno apprezzamento per il Documento in oggetto, non solo per i contenuti, fondati anche su indiscutibili richiami ad orientamenti giurisprudenziali, ma anche per il valore strategico dell’iniziativa, che si auspica conduca in tempi ragionevolmente brevi alla emanazione di una Determina in materia.

Le Associazioni che si coordinano nel TAiiS ritengono infatti che il criterio di aggiudicazione dell’offerta economicamente più vantaggiosa, in linea con le indicazioni dello stesso Libro verde sulla modernizzazione della politica dell’UE in materia di appalti pubblici debba costituire la modalità privilegiata di attribuzione degli appalti di servizi; l’emanazione di una Determina, inevitabilmente, avrà l’effetto di favorire e promuovere l’utilizzazione dell’offerta economicamente più vantaggiosa come criterio di aggiudicazione degli appalti pubblici.

Ma anche l’aspetto “regolatorio” di una Determina in materia, che potrà assicurare omogeneità e trasparenza nelle modalità di ricorso a tale criterio di aggiudicazione, non deve essere sottovalutato, in considerazione delle difformità applicative che nella prassi si registrano e della necessità di tenere conto delle innovazioni normative introdotte in particolare dal recente Regolamento attuativo del Codice, indirizzando di conseguenza le Stazioni appaltanti.

Nel merito specifico del documento AVCP in oggetto, come già accennato, questo appare ampiamente fondato, frutto di notevole approfondimento della materia e assolutamente condivisibile; particolarmente importanti e apprezzati il capitolo 5 sui valori soglia e il sotto capitolo 5.1.2, sulla “riparametrazione”; assolutamente condiviso il paragrafo 6, riferito ai servizi di pulizia che, pur nella sintesi, indica necessari principi applicativi.

Si osserva peraltro che non vengono affrontati i nodi problematici posti dall’art. 285 del DPR 207/2010, relativo alla formula di attribuzione dei punteggi ivi contenuta e riferita al settore dei “Buoni pasto”; in proposito, rinviamo al documento specifico presentato da ANSEB, Associazione componente del TAiiS e al ricorso straordinario presentato alla Presidenza della Repubblica allegato allo stesso documento.

Si osserva anche che dovrebbe essere maggiormente valorizzato, nelle Premesse del Documento, come il ricorso al criterio di aggiudicazione secondo l’offerta economicamente più vantaggiosa nei servizi (e nelle forniture) possa meglio consentire di perseguire, in coerenza con l’oggetto dell’appalto e nel rispetto di inderogabili principi di par condicio e trasparenza, obiettivi generali dell’azione amministrativa in materia sociale e ambientale (si pensi al cd. Green Public Procurement). In altri termini, e più in generale, il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa è più adeguato al perseguimento strategico di obiettivi di interesse pubblico, mentre il criterio del massimo ribasso tende piuttosto a configurarsi come una modalità di acquisto di un bene o di un servizio.

A conferma dell’importanza della materia in argomento, e di come il tema debba inserirsi in un quadro più complessivo di valutazioni e interventi, si allega “Avviso comune”, recentemente definito nell’ambito del confronto TAiiS/OOSSLL già menzionato sopra, in fase di sottoscrizione da parte dei diversi soggetti - datoriali e sindacali - che lo hanno condiviso, nel quale sono sintetizzati diversi aspetti critici individuati dalle Parti con riferimento al mercato dei servizi, alcuni già egregiamente affrontati da codesta Autorità, come il ritardo nei pagamenti, altri che ancora devono essere compiutamente sviluppati, legati appunto al tema della qualificazione.

Giuseppe Gherardelli

Coordinatore TAiiS