Bozza di delibera in materia di applicazione della misura della rotazione straordinaria di cui all’art. 16, comma 1, lettera l-quater, del d.lgs. n. 165 del 2001


Consultazione on line del 7 febbraio 2019 – invio contributi entro l’8 marzo 2019



L’Autorità, alla luce della normativa rilevante e a seguito degli esiti dell’attività di vigilanza svolta, ritiene di dover precisare e, ove necessario, rivedere alcuni propri precedenti orientamenti in materia di rotazione straordinaria. A tal fine pone in consultazione la delibera recante “Applicazione della misura della rotazione straordinaria di cui all’art. 16, comma 1, lettera l-quater, del d.lgs. n. 165 del 2001”.
L’obiettivo è di fornire chiarimenti su profili problematici che si sono registrati nell’applicazione dell’istituto in parola dovuti a lacune nel testo normativo.
In particolare si fa riferimento al momento del procedimento penale in cui l’Amministrazione deve adottare il provvedimento di valutazione della condotta del dipendente, ai fini dell’eventuale applicazione della misura della rotazione straordinaria. Inoltre, come già anticipato nell’Aggiornamento 2018 del PNA (§10), si forniscono anche indicazioni su quali siano le condotte corruttive presupposto che l’amministrazione è chiamata a tenere in conto ai fini della decisione di ricorrere o meno all’adozione del provvedimento di rotazione straordinaria e, di conseguenza, circoscrivere il novero dei reati che rendono obbligatoria l’applicazione della predetta misura.

I contributi potranno essere inviati entro l’8 marzo 2019 mediante compilazione dell’apposito modulo.

Documento in consultazione – formato pdf (618 Kb)
Modulo contributi

Avviso: per utilizzare correttamente il modulo per la compilazione e l’invio dei contributi on line si deve usare il programma Adobe Reader 8 o versioni successive. Per scaricare gratuitamente il programma Acrobat Reader: http://www.adobe.com/products/acrobat/readstep2.html. Si consiglia di salvare il modulo sul desktop del PC e aprirlo con Adobe Reader come sopra indicato. In alternativa è necessario impostare Adobe Reader come lettore predefinito del proprio browser (Internet Explorer; Firefox; Google Chrome; Safari; ecc.)