Agenzie di stampa, vigilanza preventiva Anac sul bando di gara

Approvata la richiesta di supporto collaborativo avanzata dal Dipartimento per l’editoria

A seguito del ricorso di una società editrice contro la direttiva che individuava i criteri per l’acquisto di servizi informativi e giornalistici delle agenzie di stampa, il 6 giugno 2016 il Dipartimento per l’informazione e l’editoria della Presidenza del Consiglio ha chiesto all’Autorità nazionale anticorruzione un parere sulle procedure da seguire. Con la delibera 853 del 20 luglio 2016 l’Anac ha ritenuto necessaria una procedura di appalto in virtù dell’assenza di esclusività del prodotto e/o di un solo operatore sul mercato.
Dopo l’annullamento della direttiva decisa dal Tar Lazio lo scorso 7 febbraio, in data 14 febbraio il Dipartimento per l’editoria ha avanzato all’Autorità una richiesta di “vigilanza collaborativa” relativamente alla predisposizione di due bandi di due gara triennali, a procedura aperta e suddivisi in lotti, per l’affidamento dei suddetti servizi giornalistici. Nella seduta del 1° marzo il Consiglio dell’Anac ha approvato tale istanza. 
Attesa la delicatezza della materia, l’Autorità nazionale anticorruzione - interpellata quale elemento di garanzia - assicura la massima attenzione sulla definizione delle procedure e auspica che nell’individuazione dei singoli lotti di gara sia consentita a tutti gli operatori del settore la più ampia partecipazione, nella doverosa salvaguardia del pluralismo dell’informazione e dei livelli occupazionali. 

Roma, 2 marzo 2017

Portavoce del Presidente: Paolo Fantauzzi tel. 06.36723227 
Rapporti con la Stampa: Duccio Pedercini tel. 06.36723763 - Nadia Pierantoni tel. 06.36723226