29/07/2010

Appalti per forniture e servizi
Pubblicata una determinazione sulla disciplina dei pagamenti nei contratti pubblici

Per i termini di pagamento, la decorrenza degli interessi di mora e gli interessi in caso di ritardo, le pubbliche amministrazioni devono attenersi alle disposizioni del decreto legislativo 9 ottobre 2002, n. 231 per la  redazione dei documenti di gara e contrattuali.

Sono le indicazioni interpretative ed i suggerimenti operativi per la redazione dei bandi di gara e la stipula dei contratti indirizzate agli enti pubblici ed agli operatori economici contenute nella Determinazione n. 4 del 7 luglio 2010 adottata dall’Autorità. Nell’atto si precisa anche che le stazioni appaltanti non possono subordinare la partecipazione alle procedure di gara o la sottoscrizione del contratto all’accettazione di termini di pagamento, di decorrenza degli interessi moratori e misura degli interessi di mora difformi da quelli previsti dalla norma, né prevedere tale accettazione come elemento di favorevole valutazione delle offerte tecniche nell’ambito del criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa.

La determinazione n. 4 del 7  luglio 2010, Disciplina dei pagamenti nei contratti pubblici di forniture e servizi, è pubblicata nella Gazzetta Ufficiale – Serie Generale – del 28 luglio 2010 n. 174