23/01/2019

Prevenzione della corruzione
Il modello italiano fa scuola in Messico. Missione istituzionale dell’Anac su invito dell’Ufficio anticrimine dell’Onu

 

Tre giorni in Messico per raccontare l’esperienza dell’Anac, la sua novità nel panorama europeo, i risultati ottenuti in Italia. Su invito dell’Unodc, l’Ufficio antidroga e anticrimine delle Nazioni Unite, inizia oggi una missione istituzionale che vedrà impegnato il Presidente dell’Anac Raffaele Cantone in una serie di incontri al più alto livello con le Autorità messicane.

Il vertice clou sarà una riunione di lavoro col ministro della Funzione pubblica, Irma Erendira Sandoval Ballesteros, prevista per il pomeriggio di giovedì 24 gennaio. Al centro dei colloqui, il funzionamento del modello italiano di prevenzione della corruzione e le buone prassi consolidate nel corso degli anni, riconosciute anche dall’Ocse: come prevenire la corruzione negli appalti, controllare l’esecuzione, assicurare la trasparenza della Pubblica amministrazione ed evitare i conflitti d’interesse. Tutti temi che riscuotono particolare interesse per il nuovo governo presieduto da Andres Manuel Lopez Obrador, che ha ripetutamente definito il contrasto alla corruzione una delle priorità del suo mandato.

L'esperienza italiana in tema di lotta alla corruzione e alla criminalità organizzata è infatti ritenuta di particolare utilità sia dalle Autorità messicane che dall’Amministrazione statunitense, principale finanziatore di Unodc nel Paese attraverso la Merida Initiative (una iniziativa congiunta per combattere la violenza criminale ed il traffico di droga). Proprio questi saranno i temi al centro del convegno “La politica criminale ed il fenomeno della corruzione”, che mercoledì 23 si svolgerà nel Senato messicano davanti a una qualificata platea di parlamentari ed esponenti istituzionali.

In agenda anche una serie di incontri con rappresentanti del settore privato, operatori economici e componenti del Sistema nacional anticorrupción.

La missione in Messico testimonia una crescente attenzione al tema della prevenzione della corruzione in America Latina, confermata da analoghi inviti ricevuti da Colombia (febbraio 2017) e Argentina (settembre 2018).

 

Vedi anche: Relazioni internazionali