08/02/2019
Whistleblowing

In un anno ricevute tramite applicazione informatica 607 segnalazioni di condotte illecite
A un anno esatto dalla sua introduzione, sono 607 le segnalazioni ricevute attraverso il sistema informatico Whistleblowing, realizzato per l’acquisizione e la gestione delle segnalazioni di illeciti da parte dei pubblici dipendenti nel rispetto delle garanzie di riservatezza previste dalla normativa. Di queste, 63 sono state inviate alle competenti Procure della Repubblica e 70 alla Corte dei conti, per accertare la sussistenza di profili penali o di danno erariale. Lo strumento in questi mesi si è rivelato molto apprezzato, tanto che attualmente circa il 70 per cento delle segnalazioni di whistleblowing arrivano all’Anac tramite questo canale.
Dallo scorso 15 gennaio l’Autorità anticorruzione ha inoltre messo a disposizione il software per la gestione delle segnalazioni di illeciti da parte dei propri dipendenti - basato sul prototipo realizzato per Anac da Hermes Center nell’ambito del GlobaLeaks Project - con l’obiettivo di consentirne il riuso da parte delle pubbliche amministrazioni. La sicurezza e l’affidabilità sono state certificate da un soggetto terzo che ha condotto specifici test sulla piattaforma, già oggi utilizzata, oltre che dall’Anac stessa, anche da numerose istituzioni pubbliche fra cui la Banca d’Italia.
L’impiego del software, tuttavia, non implica in alcun modo una collaborazione al progetto GlobaLeaks. Si tratta infatti di un prodotto nuovo, finalizzato a perseguire scelte e sviluppi tecnologici differenti, dettati esclusivamente dalle esigenze dell’Autorità, nelle quali non rientrano la modifica o la partecipazione al processo di sviluppo ma soltanto la realizzazione della piattaforma per ricevere segnalazioni in forma riservata. In assenza di continuità tecnologica con GlobaLeaks, né essendo previsto supporto alla migrazione del software e dei dati da e verso tale progetto, l’Autorità si riserva pertanto la possibilità di evolvere l’applicazione informatica, abbandonando completamente il progetto iniziale e garantendo esclusivamente la portabilità e la retrocompatibilità dei dati nell’ambito del progetto OpenWhistleblowing.

 

Software in open source per la gestione delle segnalazioni di illeciti


Risposta del Presidente Cantone del 21 settembre 2017 all’appello del Centro Hermes in merito all’adozione di tecnologie di supporto alla gestione delle segnalazioni di condotte illecite (Whistleblowing)
Vai al documento

 

Whistleblowing