Bando di gara del 25 luglio 2009

data di Pubblicazione: 25 luglio 2009

data di Scadenza: 16 febbraio 2011

Gara europea a procedura aperta per l’affidamento del servizio di consulenza specialistica e dei servizi di sviluppo, manutenzione ed evoluzione dei sistemi di Business Process Management (BPM) e di Business Intelligence (BI) per l’Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

CIG: 03506093B2

Visualizza l'avviso di aggiudicazione

Pubblicazione Gazzetta Ufficiale della Comunità Europea: 25 luglio 2009
Pubblicazione Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana: 29 luglio 2009

Scadenza del bando
Presentazione offerte: 21 Settembre 2009, ore 13,00
Prima seduta pubblica: 28 Settembre 2009, ore 11,00

Importo
Con riferimento alle prestazioni di cui all’art. 3.1 (Oggetto) del Capitolato tecnico, l’ammontare complessivo dell’appalto, per la sua intera durata prevista in 48 (quarantotto) mesi a decorrere dalla data di inizio delle attività, così articolata:

  • i primi 36 mesi di erogazione di tutti i servizi;
  • gli ultimi 12 mesi di garanzia in cui viene erogato unicamente il servizio di manutenzione correttiva in garanzia  sul software rilasciato e/o modificato/sviluppato nel corso dei 12 mesi precedenti,

 viene stimato in euro 6.062.700,00 oltre I.V.A.,  così suddivisi:

  • euro 6.061.800,00 - oltre I.V.A. - per lo svolgimento delle prestazioni  del servizio;
  • euro 900,00 - oltre I.V.A. - per il costo della sicurezza derivante dai rischi di natura interferenziale  non soggetto a ribasso d’asta.

Link al testo in PDF (110 kb)

 

Avviso dell'8 ottobre 2009

Si rende noto che l'Autorità, con Delibera Consiliare n. 77 del 01/10/2009, ha disposto il ritiro del bando di gara (pubblicato sulla GUCE del 25.07.2009 - GU/S 141-206623 e sulla GURI del 29.07.2009, 5^ serie speciale n. 88) e dei relativi atti, in quanto ha ritenuto necessario per esigenze sopravvenute: a) addivenire ad una progettazione unitaria del complessivo processo di informatizzazione ricomprendendovi anche i servizi da fornire tramite il canale web, tenuto conto che i flussi informativi tipici dell'Autorità sono sempre più caratterizzati da interazioni in tempo reale con gli operatori economici e le stazioni appaltanti; b) includere nell'appalto le attività relative all'inserimento delle informazioni nelle banche dati informatiche (data entry) stante la necessità, conseguente alla cooperazione applicativa di cui sopra, di completare il popolamento delle banche dati alimentandole con i dati già in proprio possesso.

 

Avviso del 7 ottobre 2009

La seduta della Commissione di gara già fissata per il giorno 12/10/2009, è rinviata a nuova data, che verrà successivamente resa nota.


Avviso del 24 settembre 2009

La prima seduta pubblica della Commissione di gara, già fissata per la data del 28/09/09, ore 11,00, è rinviata alla data del 12/10/09, ore 11,00 presso la sede dell’Autorità, via di Ripetta 246, Roma.


Avviso del 9 settembre 2009

Si comunica che il disciplinare di gara (pag. 26, - par- 10 “Contenuto della busta “C” - Offerta economica) è stato integrato nel senso che l’offerta economica deve includere altresì il prezzo giornaliero offerto per le singole risorse professionali per ognuno dei servizi richiesti, nonché il prezzo complessivo delle licenze software.

Analoga integrazione è stata disposta sul mod.5 relativo alla dichiarazione di offerta economica.

I predetti documenti, rettificati come sopra, sono inclusi negli allegati e nella modulistica sotto riportata


Avviso del 31 luglio 2009

Si comunica che in data 31 luglio 2009 si è proceduto alla sostituzione del Disciplinare di gara e di tutti i modelli denominati 1 e 1bis.


Risposte a quesiti

D1.  Con riferimento alla voce "Totale costi fissi per licenze SW" presente nello schema di risposta economica, tale voce deve includere esclusivamente il costo delle licenza software o anche i relativi canoni di manutenzione? In quest'ultimo caso, per quanti anni?
R1.
  Il “Totale costi fissi per licenze SW” deve essere comprensivo dei canoni di manutenzione del software per l’intera durata del contratto.

D2. Con riferimento al requisito 5.9 a pagina 7 del Disciplinare di gara relativo al fatturato specifico, si chiede di confermare che il requisito del fatturato specifico relativo alla consulenza può essere soddisfatto esclusivamente con servizi di consulenza organizzativa non necessariamente relativi ad attività di program management.
R2. La risposta è affermativa

D3. Con riferimento al punto b.2) a pagina 9 del Disciplinare di gara relativo alla partecipazione alla gara in RTI, si chiede di confermare che è ammesso alla partecipazione un RTI verticale composto da una società mandataria responsabile delle attività di consulenza e che possiede il 100% dei requisiti relativi alla consulenza specialistica e una società mandante responsabile degli altri servizi che possieda il 100% dei requisiti relativi ai servizi di sviluppo e manutenzione evolutiva.
R3. Premesso quanto risposto relativamente al quesito precedente, si richiama il punto b.2) a pagina 9 e 10 del Disciplinare di gara, ove è precisato che “in caso di RTI verticale, il requisito dovrà essere posseduto con riferimento alle percentuali che ciascun componente del raggruppamento intende assumere. A tal fine si precisa che la prestazione principale del presente appalto è quella relativa al servizio di consulenza specialistica”.

D4. Con riferimento al numero di licenze software da quotare, si chiede se debbano intendersi validi il numero di utenti (e dunque di licenze) riportati nel capitolo 4.5 del capitolato di gara.
R4.
Ai fini del computo del numero delle licenze software per l’ambiente di esercizio dei servizi BPM e BI devono essere considerati numero 200 utenti per ciascuno dei due servizi.

D5. Per la realizzazione del Sistema di Business Intelligence descritto al capitolo 2.2 dell' Allegato Tecnico (Allegato1), oltre ad opportuni tool di reportistica per la parte di "Analisi "  e di cui è chiaro che andrà fatta una quotazione da parte del fornitore, sono necessari anche altri strumenti per le ulteriori componenti architetturali descritte. Tali strumenti saranno forniti da AVCP? E se si, è possibile avere una lista dei prodotti che AVCP metterà a disposizione?
R5.
Le licenze software che saranno messe a disposizione da AVCP sono esclusivamente quelle del sistema operativo (Microsoft Windows Server 2003) e del RDBMS (Microsoft SQL Server 2005 Enterprise).

D6. Con riferimento al paragrafo 9 del Disciplinare di Gara si chiede in quale dei sub criteri tecnici riportati al paragrafo 13 saranno valutati i CV delle figure professionali proposte e quanti CV debbano essere inclusi nella Busta “B” – Offerta Tecnica.
R6. I CV delle figure professionali proposte saranno valutati utilizzando i sub criteri numeri 8, 9 e 10 di cui al paragrafo 13 del Disciplinare di gara. Il numero dei CV da includere nella Busta “B” – Offerta Tecnica è connesso al numero delle figure professionali necessarie per l’erogazione dei servizi proposti.

D7. Con riferimento al paragrafo 4.2.1 del Capitolato Tecnico è corretta l’interpretazione che l’acquisizione di HW e SW di base necessari all’implementazione della “piattaforma proposta” è a carico di AVCP?
R7.
L’interpretazione è corretta per quanto concernente gli ambienti di collaudo ed esercizio. Sono escluse le postazioni di lavoro client del personale impiegato dal fornitore ed il software di base necessario all’implementazione dell’ambiente di sviluppo che sono totalmente a carico del Fornitore stesso.

D8. Con riferimento al paragrafo 4.2.1 del Capitolato Tecnico AVCP renderà disponibili HW e SW di base necessari all’implementazione della “piattaforma proposta” entro la data di inizio delle attività?
R8.
Si

D9. Con riferimento al paragrafo 4.2.1 del Capitolato Tecnico il Fornitore deve rendere disponibili le piattaforme BPM e BI ad AVCP con licenza d’uso perpetua o per il solo periodo di erogazione dei servizi contrattuali? E per quali ambienti?
R9.
Il Fornitore deve rendere disponibili le piattaforme BPM e BI per gli ambienti di collaudo ed esercizio con licenza perpetua intestata ad AVCP includendo i canoni di manutenzione per l’intera durata contrattuale.

D10. Con riferimento al paragrafo 4.4.1 del Capitolato Tecnico si chiede di confermare o meno la interpretazione secondo la quale i malfunzionamenti da prendere in carico saranno notificati al Fornitore da parte della funzione di Help Desk / Contact Center di AVCP e di indicare se detta funzione si avvalga di un sistema di trouble-ticketing, eventualmente precisando quale esso sia.
R10.
L’interpretazione proposta non è in alcun modo rilevabile dal capitolato tecnico. La manutenzione adeguativa e correttiva sono totalmente a carico del Fornitore e pertanto AVCP non renderà disponibile alcun sistema di trouble-ticketing.

D11. Con riferimento al paragrafo 4.4.2 del Capitolato Tecnico è confermata l’interpretazione che per il primo anno di contratto non è prevista alcuna forma di Manutenzione Adeguativa e Correttiva?
R11.
Si, salvo l’attività di Manutenzione in garanzia sul software rilasciato.

D12. Con riferimento al paragrafo 4.4.2 del Capitolato Tecnico a quali attività deve riportarsi la previsione di impegno per il quarto anno contrattuale?
R12.
Alle attività di Manutenzione Adeguativa e Correttiva relativamente a tutto il software rilasciato nel corso del contratto e non più coperto da garanzia.

D13. Con riferimento al modello 5 – Dichiarazione di Offerta Economica, qualora il fornitore abbia pratiche di determinazione dei costi che prevedano anche altre voci di costo (ad es: oneri finanziari, etc.), è possibile esplicitare queste voci o bisogna comunque ricondursi allo schema assegnato?
R13.
E’ necessario comunque ricondursi allo schema assegnato imputando tali voci di costo nella voce Spese Generali.

D14. Con riferimento al modello 5 – Dichiarazione di Offerta Economica dove devono essere esposte le tariffe unitarie di vendita alla AVCP che concorrono, ognuna moltiplicata per le quantità previste nei vari servizi, a determinare prezzo complessivo dell’appalto in precedenza indicato?
R14.
Con avviso del 9 settembre 2009 il modello 5 – Dichiarazione di Offerta Economica è stato rettificato per consentire l’esplicitazione delle tariffe unitarie.

D15. Con riferimento al modello 5 – Dichiarazione di Offerta Economica dove si devono indicare i prezzi richiesti per le licenze dei Prodotti relativi alle piattaforme di BPM e di BI?
R15.
Con avviso del 9 settembre 2009 il modello 5 – Dichiarazione di Offerta Economica è stato rettificato per consentire l’esplicitazione delle tariffe unitarie.

D16. Si chiede di confermare che (e/o secondo quali eventuali condizioni) non configura ipotesi di subappalto l'esecuzione di attività oggetto di appalto, da parte dell'impresa concorrente, tramite l’utilizzo di servizi di un'impresa italiana o estera (ovvero facendo eseguire parte dell’attività ai dipendenti di tale impresa italiana o estera) appartenente al medesimo gruppo societario dell’impresa concorrente in quanto sia l'impresa concorrente che la citata impresa italiana o estera sono direttamente o indirettamente controllate da una medesima impresa capogruppo.
R16.
L’affidamento a soggetto appartenente al medesimo gruppo societario configura subappalto in senso proprio, stante peraltro il richiamo contenuto nell’art. 118, comma 8, del Codice dei contratti, ove è previsto, in tale evenienza, uno specifico obbligo di dichiarazione da parte dell’affidatario.

D17. Si chiede di specificare se è possibile utilizzare quale subappaltatore/i società con sede in uno Stato non appartenente all’Unione Europea (ad esempio con sede in India).
R17.
Si richiama quanto stabilito dal Tar Lazio con sentenza n. 5896 del 2 luglio 2007 e con sentenza n. 9404/2008. Al riguardo, il giudice amministrativo ha ritenuto che alle imprese stabilite in Stati non comunitari si applichino le stesse condizioni di partecipazione e di qualificazione richieste ai concorrenti italiani, qualora, in alternativa

  • lo Stato non comunitario abbia siglato l’accordo sugli appalti pubblici allegato all’accordo WTO;
  • lo Stato non comunitario sia parte di accordi bilaterali che garantiscano la reciprocità nelle condizioni di partecipazione,
  • lo Stato non comunitario operi sulla base di norme di diritto internazionale che prevedano dette condizioni di reciprocità.

In assenza del ricorrere delle citate condizioni, le imprese dello Stato non comunitario non possono partecipare agli appalti banditi da stazioni appaltanti italiane. Quanto sopra deve ritenersi valido non solo per la partecipazione, ma anche per i casi di avvalimento e di subappalto.

D18. In caso di RTI verticale, il requisito dovrà essere posseduto con riferimento alle percentuali che ciascun componente del raggruppamento intende assumere. Le percentuali di cui sopra fanno riferimento allo specifico servizio o all’intera fornitura?
R18.
Per quanto riguarda l’RTI verticale, si fa presente che la mandataria deve possedere il fatturato specifico richiesto relativamente al servizio che andrà ad espletare (tenendo comunque conto che essa dovrà svolgere quanto meno il servizio indicato come principale del Disciplinare), mentre per il fatturato globale la mandataria dovrà possedere la percentuale di fatturato globale in base alla quota di appalto che andrà ad eseguire.
Si precisa che il vincolo del 40% è riferito soltanto agli RTI orizzontali.

D19. In relazione ai profili professionali di Capo Progetto, Consulente Senior, Consulente, Analista Funzionale, BI Expert, BI Specialist, Program Manager, viene chiesto il Titolo di Studio “Laurea”. Si richiede di specificare se, in alternativa a tale titolo di studio, può essere considerato equivalente il Diploma di scuola media superiore più corsi di formazione su tematiche IT oppure una maggiore anzianità lavorativa.
R19.
No. Il bando di gara e il disciplinare sono lex specialis della procedura e devono essere rispettate alla lettera

D20. Vista la richiesta di comprova del fatturato specifico , come specificato al punto 5.9 del disciplinare di gara si chiede se sia riconosciuta utile una certificazione dell’ente per cui è stato svolto il servizio (in rti) in cui viene specificato:

  • servizio
  • importo complessivo
  • durata
  • buon esito

ma non l’esatto importo per le due società né la specifica per anno (servizio durato circa due anni) se la stessa certificazione viene corredata da fatture relative agli anni di competenza?
R20.
Va premesso che la domanda di partecipazione a gara comprende la sola autocertificazione del requisito speciale di cui trattasi e che la comprova dello stesso deve essere offerta in sede di verifica ai sensi dell’art.48 del D.Lgs.163/06 ovvero in sede di aggiudicazione. Nel merito, alla luce di quanto evidenziato sul punto nel disciplinare di gara (paragrafo 12, pag.31), è possibile comprovare il requisito del fatturato specifico mediante dichiarazione della stazione appaltante riportante i requisiti ivi indicati ovvero – in alternativa – mediante copia dichiarata conforme all’originale dei contratti e delle relative fatture.


Allegati:

Capitolato tecnico (PDF 462 kb)
Appendice n. 1 – Allegato tecnico (PDF 1031 kb)
Appendice n. 2 – Indicatori di qualità (PDF 174 kb)
Capitolato amministrativo (PDF 152 kb)
Disciplinare di gara (PDF 301 kb)
DUVRI (PDF 1399 kb)

Modulistica: