Massime per Atto Ricercato: Determinazione n. 9 del 19/05/2004 - rif.

Determinazione n. 9 del 19/05/2004 - rif. legge 109/94 Articoli 25, 31bis, 38 - Codici 25.3.2, 31/bis.1, 38.1
Al fine di assicurare sia il rispetto di tempestività ed economicità nella procedura d’appalto, sia l’esercizio di ogni necessaria azione di tutela nell’eventualità di ritrovamenti archeologici, appare utile che le stazioni appaltanti valutino l’opportunità di coinvolgere il competente organo preposto alla tutela sin dalla fase della progettazione preliminare, studiandone - d’intesa con esso - le possibili modalità di concreta attuazione.Nel caso in cui il progetto di un’opera insistente su area soggetta a vincolo archeologico venga sottoposto all’esame della competente Soprintendenza solo all’atto della conferenza di servizi, l’amministrazione appaltante ha l’obbligo di rendere chiaro in ogni dettaglio il progetto presentato, così da consentire all’organo di tutela l’espressione di un parere compiuto, sia esso pienamente favorevole oppure condizionato allo svolgimento di ulteriori indagini preventive. Il medesimo organo di tutela, per suo conto, dovrà in quella sede indicare con altrettanta chiarezza (anche e soprattutto al fine di determinare tempi e costi presuntivi) quali siano le condizioni da rispettare per poter dar corso all’opera programmata, tanto nell’ipotesi in cui vi siano sufficienti risorse per effettuare campagne di scavo sotto la direzione scientifica della medesima Soprintendenza, che nell’opposta circostanza in cui possa realisticamente ipotizzarsi unicamente l’adozione di soluzioni progettuali non interferenti con il sottosuolo archeologico.Nel caso di sospensione dei lavori connessa a ritrovamenti archeologici in corso d’opera, il concreto rischio di una configurazione di maggiori oneri, conseguente alla protrazione temporale dell’appalto, impone la massima sinergia tra la stazione appaltante e l’organo di tutela, al fine di adottare comportamenti e provvedimenti idonei, che tengano in giusto conto tanto la necessità di non arrecare pregiudizio ai reperti presenti nel sottosuolo, quanto l’esigenza di limitare l’entità degli eventuali danni che l’affidatario potrà subire.Qualora alla sospensione dei lavori abbia fatto seguito l’insorgenza di un contenzioso con l’impresa esecutrice, oltre a rimarcare l’importanza della corretta applicazione delle disposizioni contenute nell’art. 133, commi 4 e 5, del D.P.R. 21 dicembre 1999, n. 554 e s.m., e negli artt. 24 e 25 del D.M.LL.PP. n. 145/2000, deve precisarsi che la disamina delle doglianze annotate sul registro di contabilità e la conseguente valutazione non potrà prescindere dalla conoscenza di tutte le circostanze di fatto intervenute durante l’espletamento dell’appalto, comprese quelle - non citate tra le riserve - che sono oggettivamente suscettibili di implicare una riduzione del danno lamentato.