Massime per Atto Ricercato: Parere di Precontenzioso n. 109 del 08/10/2009 - rif. PREC 42/09/S

Parere di Precontenzioso n. 109 del 08/10/2009 - rif. PREC 42/09/S d.lgs 163/06 Articoli 91 - Codici 91.1
Nelle procedure di affidamento di incarichi di progettazione, la soluzione del problema connesso al corretto calcolo dei coefficienti che concorrono alla determinazione del punteggio finale da assegnare a ciascun soggetto partecipante può senz’altro ricavarsi da una attenta lettura della normativa vigente. Infatti, secondo l’allegato E al D.P.R. n. 554/1999, il valore attribuibile agli elementi di cui all’art. 64, c. 2 del citato decreto, deve essere compreso tra 0 e 1, ed essere espresso in valori centesimali: il coefficiente è pari a zero in corrispondenza della prestazione minima possibile; mentre il coefficiente è pari ad uno in corrispondenza della prestazione massima offerta. Tutte le altre posizioni possono trovare una graduazione che in linea teorica e matematica sarebbe data da una serie infinita di numeri. Per tale ovvia ragione il legislatore ha ritenuto che gli stessi coefficienti e, quindi, il punteggio finale fosse dato dalla sommatoria di valori al massimo centesimali, cioè con due sole cifre dopo la virgola.