Massime per Atto Ricercato: Parere di Precontenzioso n. 117 del 22/10/2009 - rif. PREC 279/08/S

Parere di Precontenzioso n. 117 del 22/10/2009 - rif. PREC 279/08/S d.lgs 163/06 Articoli 43 - Codici 43.1
È riconosciuta stazione appaltante la discrezionalità di fissare i requisiti di partecipazione ad una gara diversi, ulteriori e più restrittivi di quelli legali, con il limite della logicità e della ragionevolezza dei requisiti richiesti e della loro pertinenza e congruità allo scopo perseguito. Quanto al possesso della certificazione UNI ENI ISO 9001:2000 in capo all’impresa, si rappresenta che la certificazione di qualità è inerente all’intero sistema aziendale ed è preordinata a svolgere una funzione di garanzia qualitativa di un determinato livello di esecuzione dell’intero rapporto contrattuale. Nel caso in cui il bando di gara richieda espressamente, come requisito di partecipazione, il possesso della certificazione di qualità specifica nell’ambito della “gestione delle aree di sosta e servizio con ausiliari del traffico”, deve ritenersi che la certificazione che si riferisca esclusivamente all’attività di “accertamento, liquidazione e riscossione dei tributi locali, di altre entrate degli enti locali ed altre attività connesse e complementari” non sia rispondente a quanto richiesto dalla lex specialis, non essendo contenuta in tale certificazione di qualità alcuna specificazione che consenta di ritenere contemplate dalla certificazione medesima, quali “attività connesse e complementari” all’attività principale, quelle di gestione delle aree di parcheggio e servizio con ausiliari del traffico.