Parere n. 49 del 09/10/2007

PREC278/07

Oggetto: istanza di parere per la soluzione delle controversie ex articolo 6, comma 7, lettera n) del decreto legislativo n. 163/2006 presentata dalla Profilvie s.r.l. – tornata di gara n. PA0705. S.A. ANAS s.p.a. Compartimento della Viabilità per la Campania.


Il Consiglio

Vista la relazione dell’Ufficio Affari Giuridici


Considerato in fatto

In data 03/04/2007 l’ANAS s.p.a. - Compartimento per la viabilità della Campania, ha emanato il bando n. PA0705, concernente le gare n. 30/07, n. 31/07, n. 32/07, n. 33/07, n. 34/07 e n. 35/07 relative a lavori di ordinaria manutenzione, gestione ordinaria barriere di sicurezza.

In data 18 giugno 2007 è pervenuta l’istanza di parere indicata in oggetto, con la quale l’impresa Profilvie s.r.l., che ha partecipato a tutte le gare sopra riportate, contesta l’esclusione dalle stesse, per aver presentato in maniera incompleta la dichiarazione di cui al punto 2 del disciplinare di gara, lettere q) ed r), concernenti l’attestazione di cognizione della natura dell’appalto e l’accettazione di tutte le disposizioni contenute nel bando di gara e negli elaborati progettuali, compreso il computo metrico.

A parere dell’impresa istante, la dichiarazione resa in sede di gara, redatta secondo i contenuti di un modello di dichiarazione predisposto dalla medesima S.A. per altra e precedente gara, rispecchia nella sostanza quanto richiesto dall’attuale disciplinare.

In sede di istruttoria preliminare, la Stazione appaltante, ha precisato che la dichiarazione resa dall’impresa istante è priva di alcuni degli elementi prescritti dall’articolo 71, comma 2 del d.P.R. 554/1999, la cui mancanza non consente quella piena e consapevole assunzione di responsabilità da parte del concorrente, richiesta ai fini della formulazione dell’offerta, che è alla base della disposizione in questione.


Ritenuto in diritto

Con disposizione chiara e non equivoca il disciplinare di gara indica i contenuti della dichiarazione che il legale rappresentante deve rilasciare ai fini della partecipazione alle gare di che trattasi.

Detti contenuti sono ripresi nello schema di dichiarazione predisposto dalla stazione appaltante, allegato al medesimo disciplinare.

In particolare, i punti q) ed r), individuano con particolare dettaglio, nel rispetto di quanto disposto dall’articolo 71, comma 2, del d.P.R. 554/1999, tutte le condizioni e gli oneri legati all’esecuzione delle lavorazioni previste dalle gare n. 30/07, n. 31/07, n. 32/07, n. 33/07, n. 34/07 e n. 35/07.

Si deve richiamare l’attenzione sulla rilevanza della prescrizione sopra riportata, che dispone che l'offerta deve essere accompagnata da una dichiarazione con la quale i concorrenti attestano di aver esaminato gli elaborati progettuali e di aver preso piena cognizione dello stato dei luoghi. La ratio sottesa alla norma, mira a rafforzare il coinvolgimento del futuro appaltatore nell'esame del progetto e della situazione dei luoghi, al fine di prevenire eccezioni e riserve circa la completezza del progetto o gli ostacoli incontrati nella attività realizzativa dell'appalto.

Assume pertanto valore sostanziale ancorare detta dichiarazione allo specifico appalto per il quale si concorre, dovendosi redigere l’attestazione richiesta nel pieno rispetto dei contenuti prescritti dalla disciplina di gara.

Si evidenzia che la dichiarazione resa dal concorrente escluso risulta carente relativamente all’attestazione di aver preso conoscenza di elementi oggettivi – quali le condizioni locali, la viabilità di accesso, le eventuali cave e discariche autorizzate necessarie per l’esecuzione dei lavori, del computo metrico – che incidono sulla remuneratività dell’offerta.

In base a quanto sopra considerato


Il Consiglio

ritiene, nei limiti di cui in motivazione, che l’esclusione dell’impresa Profilvie s.r.l. è conforme alla normativa di settore.


Il Consigliere Relatore: Andrea Camanzi

Il Presidente: Luigi Giampaolino


Depositato presso la segreteria del Consiglio in data 26 ottobre 2007