Parere n. 58 del 04/10/2007

PREC236/07

Oggetto: istanze di parere per la soluzione delle controversie ex articolo 6, comma 7, lettera n) del decreto legislativo n. 163/2006 presentate dalla Società Aeroporto Toscano S.p.A. – affidamento di servizi di brokeraggio assicurativo.


Il Consiglio

Vista la relazione dell’Ufficio Affari Giuridici


Considerato in fatto

In data 31 maggio 2007 è pervenuta all’Autorità l’istanza di parere indicata in oggetto, con la quale la Società Aeroporto Toscano S.p.A. richiede all’Autorità di pronunciarsi in ordine alle censure sollevate dalla società GPA Assiparos, in ordine al criterio di attribuzione del punteggio previsto nell’affidamento del servizio in oggetto da aggiudicarsi con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa.

L’istante, in particolare, rappresenta che la GPA Assiparos contesta l’inserimento di elementi di natura soggettiva, quali l’esperienza e la professionalità, nell’ambito del punteggio qualitativo. A propria difesa la Società Aeroporto Toscano S.p.A. sostiene che per una società aeroportuale è imprescindibile la sussistenza di competenza ed esperienza specialistica nel settore e che, tale requisito, ben si concilia con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa.

A riscontro della richiesta di informazioni effettuata dall’Autorità nell’istruttoria procedimentale, la società GPA Assiparos replica che tra i parametri di valutazione delle offerte, sono stati inseriti requisiti quali il possesso di certificazione di qualità UNI UN ISO, ovvero il numero di aeroporti con rapporto di brokeraggio che, anche secondo quanto rilevato nella Circolare della Presidenza del Consiglio dei Ministri – Politiche comunitarie – del 1 marzo 2007, sono da riferirsi alla fase di selezione dei concorrenti.


Ritenuto in diritto

Questa Autorità si è già più volte occupata della questione prospettata (si vedano le Deliberazioni n. 30 e 209/2007), precisando che la Stazione appaltante, nell’individuare i punteggi da attribuire nel caso di aggiudicazione dell’offerta economicamente più vantaggiosa, non deve confondere i requisiti soggettivi di partecipazione alla gara, con gli elementi oggettivi di valutazione dell’offerta.

Nel caso di specie, l’attribuzione di punteggio in ragione del possesso della certificazione UNI UN ISO ovvero il numero di aeroporti con rapporto di brokeraggio, come correttamente rilevato dalla società GPA Assiparos, riguardano la capacità dell’operatore di eseguire il servizio oggetto dell’appalto, e possono essere richiesti esclusivamente ai fini della selezione dei concorrenti, e non successivamente come criterio per valutare l’offerta.

Tutto quanto sopra evidenziato,


Il Consiglio

Ritiene, nei limiti di cui in motivazione, che:

  • il criterio di attribuzione del punteggio contenuto nel bando della gara in questione si pone in contrasto con la normativa nazionale e comunitaria.

Il Consigliere Relatore: Andrea Camanzi

Il Presidente:
 

Depositato presso la segreteria del Consiglio in data 31/10/2007