Parere n. 60 del 04/10/2007

PREC388/07

Oggetto: istanza di parere per la soluzione delle controversie ex articolo 6, comma 7, lettera n) del decreto legislativo n. 163/2006 presentata dalla Aquamet S.p.A., Salerno Energia Distribuzione S.p.A., Cosvim Rete Gas Soc. Coop. – affidamento del servizio di distribuzione del gas metano nel territorio del Comune di Laurenzana (PZ) inclusa l’esecuzione delle opere e degli impianti propedeutici per il suo servizio. S.A. Comune di Laurenzana.


Il Consiglio

Vista la relazione dell’Ufficio Affari Giuridici


Considerato in fatto

In data 23 luglio 2007 sono pervenute all’Autorità le istanze di parere formulate dalle società indicate in oggetto, che si riuniscono per identità oggettiva, con le quali è stato rappresentato quanto segue.

Il Comune di Laurenzana, nell’ambito dell’affidamento di cui in oggetto, ha previsto nel disciplinare di gara tra i requisiti tecnico - economici: il possesso di una qualificazione in relazione all’importo dei lavori che intende eseguire rilasciata da società di attestazione SOA di cui al D.P.R. 34/2000; la dimostrazione di avere eseguito negli ultimi 3 anni lavori rientranti nella categoria oggetto del contratto; un fatturato minimo pari a 12.000.000,00 di Euro risultato dalla media degli ultimi tre esercizi.

Tali requisiti sono considerati dagli istanti illegittimi, in quanto incoerenti e sproporzionati rispetto all’oggetto contrattuale. Inoltre, viene evidenziato dalle società istanti la sussistenza di un conflitto tra i detti requisiti che non potrebbero essere richiesti cumulativamente.

In data 4 ottobre 2007 si è tenuta l’audizione alla quale hanno partecipato le società istanti, che hanno ribadito quanto già rappresentato in via documentale, nonché la stazione appaltante la quale ha sostenuto la legittimità della documentazione di gara e del suo operato.


Ritenuto in diritto

In via preliminare, sebbene non sia oggetto delle istanze presentate, non può esimersi di rilevare che, dalla documentazione della gara in esame, risulti chiaro come l’oggetto dell’affidamento in questione sia rappresentato da una concessione e non da un appalto. In particolare, in via esemplificativa, a supporto di tale rilievo, si segnala la clausola del bando di gara, la quale prevede la corresponsione, da parte del Comune, all’aggiudicatario di un contributo per la gestione del servizio, secondo le modalità dettate nel disciplinare di gara. Conseguentemente, i requisiti di partecipazione fissati nella documentazione di gara, non possono considerarsi coerenti e conformi con la normativa sulla concessione di servizi.

Il suddetto rilievo risulta evidentemente essere assorbente nei confronti dei quesiti posti all’attenzione di questa Autorità, in relazione ai quali si segnala quanto segue.

L'art. 1, comma 3, del D.P.R. 25 gennaio 2000, n. 34, dispone che l’attestazione di qualificazione costituisce condizione necessaria e sufficiente per la dimostrazione dell’esistenza dei requisiti di capacità tecnica e finanziaria ai fini dell’affidamento di lavori pubblici. Pertanto, nel caso in cui una stazione appaltante richieda ai partecipanti, relativamente ai lavori, come requisito di partecipazione il possesso dell’attestazione di qualificazione rilasciata da una società di attestazione, la stessa dovrà considerarsi sufficiente e, pertanto, non potranno contestualmente essere richiesti ulteriori requisiti.

Nel caso di specie, come lamentato dalle società istanti, la stazione appaltante ha previsto in capo ai partecipanti, oltre al possesso dell’attestazione di qualificazione, anche la dimostrazione dei lavori eseguiti negli ultimi 3 anni lavori rientranti nella categoria oggetto del contratto, in violazione della norma sopra citata.

Tutto quanto sopra evidenziato,


Il Consiglio

Ritiene, nei limiti di cui in motivazione, che:

  • i requisiti tecnico – economici richiesti nella gara in esame non siano conformi alla normativa vigente.

Il Consigliere Relatore: Alfonso Maria Rossi Brigante

Il Presidente: Luigi Giampaolino


Depositato presso la segreteria del Consiglio in data 31 ottobre 2007