Parere n. 100 del 08/11/2007

PREC255/07

Oggetto: istanza di parere per la soluzione delle controversie ex articolo 6, comma 7, lettera n) del decreto legislativo n. 163/2006 presentata dalla Comen Costruzioni Generali s.r.l. – riqualificazione ed adeguamento dell’impianto ascensore a servizio della Marina di Cassano.


Il Consiglio

Vista la relazione dell’Ufficio Affari Giuridici


Considerato in fatto


In data 6 giugno 2007 è pervenuta l’istanza di parere indicata in oggetto, con la quale la Comen Costruzioni Generali s.r.l. contesta l’ammissione alla gara indicata in oggetto dell’ATI D’Esposito Costruzioni s.r.l./Movi System s.r.l. in quanto a suo parere, le dichiarazioni cumulative richieste a corredo dell’offerta rilasciate da detto concorrente, non riportavano i punti previsti dal disciplinare di gara alle lettere g) e j), che prevedevano, rispettivamente, “dichiara che nei propri confronti non sono sussistenti misure cautelari interdittive ovvero di divieto temporaneo di stipulare contratti con la pubblica amministrazione ai sensi del d. Lgs. n. 231/2001” e “attesta l’inesistenza dei piani individuali di emersione di cui all’articolo 1-bis, comma 14, della legge 383/2001 e s.m.”.

In sede di istruttoria procedimentale, la S.A. ha rappresentato l’infondatezza dell’eccezione sollevata dall’istante, in quanto, effettuati i dovuti controlli, le dichiarazioni rilasciate dall’ATI D’Esposito Costruzioni s.r.l./Movi System s.r.l., effettuate sulla base del modello predisposto dalla stessa amministrazione, sono conformi a quanto richiesto. Il Comune di Piano di Sorrento ha inoltre evidenziato che lo stesso schema di dichiarazione è stato utilizzato dal soggetto istante.


Ritenuto in diritto

Il disciplinare di gara prevede che la domanda di partecipazione e le dichiarazioni sostitutive devono essere redatte, preferibilmente, sul modello fornito dalla stazione appaltante.

Detto modello di dichiarazione non ricalca pedissequamente quanto richiesto dal punto 3) del disciplinare di gara. In particolare, non riporta i contenuti di cui alle lettere g) e j) del citato punto 3).

Come espresso dall’Autorità nel parere n. 1/2007 e nella deliberazione n. 98/2006, l’adozione da parte della Stazione appaltante di uno schema di domanda di partecipazione difforme dalle prescrizioni del disciplinare di gara può costituire un comportamento equivoco dell’Amministrazione, idoneo a generare convincimenti non esatti e a dare indicazioni o avvertenze fuorvianti dalla medesima provenienti, tale da non comportare l’esclusione dalla gara stessa dei concorrenti che, avvalendosi del modello predisposto dall’Amministrazione, hanno presentato un’istanza di partecipazione priva di alcune delle prescrizioni del disciplinare di gara.

Nel caso in cui il comportamento dell’Amministrazione abbia indotto in errore taluni partecipanti alla gara, è onere della stessa chiedere integrazione documentale per ovviare all’errore scusabile ingenerato nei concorrenti dal modello di istanza ovvero di dichiarazione, nel rispetto del principio della tutela dell’affidamento.

Non può consentirsi, giusto quanto assunto dall’Autorità con deliberazione n. 166/2007, che l’errore dell’Amministrazione si risolva in un danno del concorrente, in quanto un corretto rapporto tra Amministrazione e privato deve essere rispettoso dei principi generali del buon andamento dell’azione amministrativa e di imparzialità, nonché di quello specifico enunciato nell’art. 1337 del cod. civ., secondo il quale nello svolgimento delle trattative e nella formazione del contratto le parti devono comportarsi secondo buona fede.

In base a quanto sopra considerato


Il Consiglio

ritiene, nei limiti di cui in motivazione, che è conforme l’ammissione del concorrente ATI D’Esposito Costruzioni s.r.l./Movi System s.r.l., nei confronti del quale sussistono i presupposti per chiedere l’integrazione documentale della dichiarazione dallo stesso resa in sede di gara.


Il Consigliere Relatore:nAlessandro Botto

Il Presidente: Luigi Giampaolino


Depositato presso la segreteria del Consiglio in data 19 novembre 2007