Parere n.52 del 22/4/2015

PREC 125/14/S

Oggetto: istanza di parere per la soluzione delle controversie ex articolo 6, comma 7, lettera n), del d.lgs. 12 aprile 2006 n. 163 presentata dal Comune di Morino – Servizio di refezione scolastica scuola primaria comune di Morino e comune di Civita D’Antino - Importo a base di gara: euro 67.500 – S.A.: Comune di Morino (AQ)
Requisiti di partecipazione – comprova del possesso dei requisiti dichiarati in sede di partecipazione – necessario possesso dei requisiti di partecipazione al momento della scadenza del termine di presentazione dell’offerta
I requisiti di partecipazione devono essere posseduti al momento della prestazione dell’offerta e devono persistere per tutta la durata della procedura, fino alla stipula contrattuale. Pertanto, qualora in fase di comprova, risulti che un concorrente non possedeva un requisito di partecipazione al momento della partecipazione, ma che lo stesso sia stato ottenuto in un momento successivo, il concorrente deve essere escluso.
Articoli 48 del d.lgs. n. 163/2006

Il Consiglio

VISTA l’istanza di parere, prot. n. 56058 del 15 maggio 2014, con la quale il Comune di Morino ha rappresentato che, nella procedura in epigrafe, il concorrente raggruppamento temporaneo di imprese costituito dalle società A.G.R.I. Srl e A modo mio sas è stato sorteggiato ai sensi dell’articolo 48, comma 1, del d.lgs. n. 163/2006 al fine di comprovare il possesso dei requisiti speciali dichiarati in sede di gara ed ha rilevato che, poiché la documentazione prodotta non appariva idonea a comprovare i requisiti, la stazione appaltante provvedeva a chiedere chiarimenti. Dalla ulteriore documentazione prodotta emergeva, in particolare, che la società A.G.R.I., al momento della partecipazione non era registrata negli archivi del dipartimento di sanità pubblica, come previsto dai regolamenti europei in tema di sicurezza alimentare per gli operatori del settore alimentare che intendono avviare un’attività di produzione, somministrazione e vendita di alimenti, in quanto tale iscrizione sarebbe intervenuta solo in data 4 aprile  2014, mentre il termine di scadenza delle offerte era previsto per il 3 marzo 2014;
VISTO l’avvio dell’istruttoria avvenuto in data 26 maggio 2014;
VISTA la documentazione prodotta in atti;
VISTE le memorie prodotte dalle parti;
CONSIDERATO che la questione giuridica controversa prospettata dall’istante attiene alla legittimità o meno di un eventuale provvedimento di esclusione per mancato possesso dei requisiti speciali dichiarati al momento della partecipazione alla gara e che su di essa può decidersi ai sensi dell’articolo 8 del Regolamento sull’esercizio della funzione di componimento delle controversie di cui all’articolo 6, comma 7, lettera n) del d. lgs. n. 163/2006;
CONSIDERATO che è principio consolidato in materia di contrattualistica pubblica quello che impone ai concorrenti il possesso dei requisiti di partecipazione al momento alla scadenza del termine di presentazione delle offerte ed, in particolare, che riconosce i requisiti come presupposti di natura sostanziale per la partecipazione alla gara, ai sensi dell’articolo 2 del Codice e, di conseguenza, sancisce che la carenza dei requisiti speciali di partecipazione indicati nel bando di gara si traduce necessariamente nell’esclusione dalla gara ed impone, con specifico riferimento al momento in cui devono essere posseduti i requisiti che essi siano posseduti al momento della presentazione dell’offerta o della domanda di partecipazione e della stipula del contratto (cfr. in tal senso, Autorità, determinazione n. 4 del 10 ottobre 2012, “Bando- Tipo. Indicazioni generali per la redazione dei bandi di gara ai sensi degli articoli 64, comma 4-bis e 46, comma 1-bis, del Codice dei contratti pubblici”).
CONSIDERATO, altresì, che spetta alla stazione appaltante effettuare le verifiche in ordine al possesso dei requisiti dichiarati dal concorrente e comprovati in sede di verifica ai sensi dell’articolo 48 e che, proprio in esecuzione di quanto previsto all’articolo 48, «qualora tale prova non sia fornita, ovvero non confermi le dichiarazioni contenute nella domanda di partecipazione o nell’offerta, le stazioni appaltanti procedono all’esclusione del concorrente dalla gara, all’escussione della relativa cauzione provvisoria e alla segnalazione del fatto all’Autorità per i provvedimenti di cui all’articolo 6, comma 11»;
RITENUTO che, nel caso di specie, qualora l’amministrazione, ad esito dei controlli effettuati e degli ulteriori accertamenti svolti in esito alle richieste documentali e di chiarimenti, ritenga che il requisito della necessaria registrazione al dipartimento di sanità pubblica per l’espletamento dell’attività di produzione, somministrazione e vendita di alimenti non sussista in capo a nessuno dei componenti del raggruppamento temporaneo al momento di presentazione dell’offerta, ma sia stato acquisito in un momento successivo, possa procedere all’esclusione del concorrente dalla procedura;

Il Consiglio

ritiene, nei limiti di cui in motivazione, che qualora l’amministrazione, ad esito dei controlli effettuati, ritenga che il requisito della registrazione al dipartimento di sanità pubblica per l’espletamento dell’attività di produzione, somministrazione e vendita di alimenti, necessario ai fini dell’espletamento del servizio di refezione scolastica oggetto della gara, non sussista in capo a nessuno dei componenti del raggruppamento temporaneo alla data di scadenza del termine di presentazione delle offerte, possa procedere all’ esclusione del concorrente dalla procedura.
Raffaele Cantone

Depositato presso la Segreteria del Consiglio in data 7 maggio 2015

Il Segretario Maria Esposito

Documento formato pdf