PARERE N. 173 DEL 21 ottobre 2015

PREC 35/15/S

Oggetto: istanza di parere per la soluzione delle controversie ex articolo 6, comma 7, lettera n) del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 presentata dalla Gemeaz Elior S.p.A. – Procedura aperta per l’affidamento del servizio di refezione scolastica A.S. 2014-2015. Importo a base di gara euro: 129.620,00 oltre IVA. S.A.: Comune di Caerano San Marco (TV).
Appalti di servizi esclusi (All. II B Codice) – Indicazione oneri di sicurezza aziendali in sede di offerta – lex specialis –  Mancata esclusione – Legittimità.
Nel caso di affidamento di servizi di cui all’All. II B del d.lgs. 163/2006 è conforme la disciplina di gara che richieda ai concorrenti di formulare la propria offerta economica mediante una dichiarazione che tenga conto in maniera comprensiva anche delle voci relative ai costi di sicurezza aziendali, riservandosi di effettuare l’eventuale verifica dell’anomalia delle offerte.
Artt. 20; 86 e 87 d.lgs. 163/2006.

Il Consiglio

VISTA l’istanza di parere prot. n. 89627 dell’11.8.2014 presentata dalla Gemeaz Elior S.p.A. relativamente alla procedura aperta per l’affidamento del servizio di refezione scolastica A.S. 2014-2015 indetta dal Comune di Caerano San Marco (TV);
VISTO in particolare, il quesito formulato in ordine alla presunta illegittima mancata esclusione dell’impresa Nord Ristorazione S.r.l., aggiudicataria con provvedimento n. 287 del 5.9.2014, nella cui offerta economica non risulterebbero indicati gli importi riferibili agli oneri aziendali per la sicurezza;
VISTO l’avvio dell’istruttoria avvenuto in data 2.2.2015;
VISTA la memoria inoltrata da parte della Nord Ristorazione S.r.l. con la quale evidenzia che l’amministrazione procedente non ha omesso di considerare nei propri atti di gara la problematica relativa ai costi di sicurezza aziendali avendo predisposto una dichiarazione di garanzia da sottoscrivere a cura del concorrente circa il rispetto degli standard minimi di sicurezza aziendale, dichiarazione resa dall’odierna aggiudicataria. Sostiene pertanto, la legittimità del provvedimento di aggiudicazione in proprio favore anche all’esito della verifica delle offerte anormalmente basse condotta dalla stazione appaltante;
VISTE le osservazioni formulate dalla stazione appaltante la quale, riportandosi alle argomentazioni contenute nella determinazione di aggiudicazione definitiva del 5.9.2014, ribadisce la correttezza del proprio operato;
RILEVATO che sulla questione può decidersi ai sensi dell’art. 8 del Regolamento sull’esercizio della funzione di componimento delle controversie di cui all’art. 6, comma 7, lett. n) del d.lgs. 163/2006;
CONSIDERATO in generale che, in merito agli oneri sicurezza aziendali e servizi esclusi di cui all’allegato II B  del d.lgs. 163/2006 (come nel caso di specie), cui non trovano applicazione le norme del Codice dei Contratti se non nei limiti di quelle espressamente previste dall’art. 20 del Codice stesso, questa Autorità secondo consolidato orientamento giurisprudenziale ha precisato che in assenza di vincolo espressamente previsto nel bando di gara afferente appalti di servizi di cui all’allegato in questione, la stazione appaltante non potrà escludere automaticamente l’impresa che nella propria offerta non abbia quantificato i relativi costi di sicurezza aziendale, rinviando alla successiva fase dell’eventuale verifica dell’anomalia dell’offerta la richiesta dei giustificativi in merito agli elementi costitutivi dell’offerta economica presentata (In tal senso pareri n. 67/2014; n. 142/2014; n. 41/2014);
TENUTO CONTO che, per quel che qui interessa, risulta che la Nord Ristorazione S.r.l. ha formulato comunque la propria offerta economica secondo le indicazioni fornite dalla stessa stazione appaltante anche con riferimento alle voci di costo del personale e misure di adempimento alle disposizioni in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro;
CONSIDERATO che alla procedura in esame non si applica la previsione dell’art. 86 d.lgs. 163/2006 -Criteri di individuazione delle offerte anormalmente basse, ma che la stazione appaltante nel bando di gara si è riservata comunque di procedere a riguardo;
TENUTO CONTO altresì che l’offerta della concorrente Nord Ristorazione S.r.l., secondo le previsioni degli articoli 86, 87, 88 e 89 d.lgs. 163/2006, è stata comunque sottoposta a verifica in quanto risultata anormalmente bassa e che la stazione appaltante ha richiesto all’impresa interessata  giustificazioni per la dimostrazione della sostenibilità e sufficienza della propria offerta e in particolare dell’adeguatezza e sufficienza del valore economico ivi indicato con riferimento alle voci di costo del lavoro, a quelle relative alla sicurezza e ai costi per materie prime. Che tale verifica ha condotto positivamente all’aggiudicazione definitiva in favore della Nord Ristorazione S.r.l.;
RITENUTO pertanto che l’aggiudicataria ha presentato la propria offerta secondo le prescrizioni indicate dalla stazione appaltante la quale ha ritenuto sufficiente, relativamente agli oneri per la sicurezza aziendali, richiedere una dichiarazione comprensiva in tal senso,

Il Consiglio

ritiene, nei limiti di cui in motivazione, nel caso di affidamento di servizi di cui all’All. II B del d.lgs. 163/2006, conforme la disciplina di gara laddove richiede ai concorrenti di formulare la propria offerta economica mediante una dichiarazione che tenga conto in maniera comprensiva anche delle voci relative ai costi di sicurezza aziendali, riservandosi di effettuare l’eventuale verifica dell’anomalia delle offerte.

Raffaele Cantone

Depositato presso la Segreteria del Consiglio in data 28 ottobre 2015
Il segretario Maria Esposito

Formato pdf