PARERE N. 232 DEL 16 Dicembre 2015

PREC 82/15/F

Oggetto: istanza di parere per la soluzione delle controversie ex articolo 6, comma 7, lettera n) del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 presentata congiuntamente dalla Azienda Sanitaria Ospedaliera di Agrigento e dall’impresa Zovam Europe S.r.l. – Procedura negoziata tramite RDO/ME.PA. per la fornitura di n. 43 monitor multiparametrici e di n. 3 centrali di monitoraggio. Importo a base di gara euro: 170.000,00. S.A.: ASP Agrigento.
RDO e strumento telematico MEPA -  Offerta economica e firma digitale.
L’omessa sottoscrizione digitale dell’offerta economica in formato pdf generato dal sistema ME.PA. non può trovare utile “soccorso” mediante recupero del contenuto dell’offerta economica allegata dal concorrente, seppur correttamente compilata, ma che si riferisce a tutt’altra RDO indetta da diversa stazione appaltante, con conseguente mancata corrispondenza tra le prestazioni descritte nell’offerta e l’oggetto del contratto da aggiudicare
Art. 74, comma 2; art. 77, comma 6 d.lgs. 163/2006.

Il Consiglio

VISTA l’istanza di parere prot. n.5519 del 21.1.2015 presentata congiuntamente dalla Azienda Sanitaria Ospedaliera di Agrigento e dall’impresa Zovam Europe S.r.l. relativamente alla procedura negoziata RDO/ME.PA. per la fornitura di n. 43 monitor multiparametrici e di n. 3 centrali di monitoraggio, in unico lotto, per varie UU.OO. dell’ASP di Agrigento;
VISTO in particolare, il quesito formulato in ordine alla legittimità o meno dell’esclusione disposta a carico della concorrente Zovam Europe S.r.l. in presenza: di un contenuto della relativa offerta economica sottoscritta con firma digitale, scaricata dalla piattaforma ME.PA. ma che si riferisce ad altra RDO indetta dall’ASP di Siracusa; di un documento offerta economica formato pdf generato dal sistema, riferito alla giusta RDO, ma privo di alcuna sottoscrizione manuale o digitale. L’impresa in questione, evidenzia un non corretto funzionamento del sistema ME.PA. che avrebbe dovuto segnalare la non corrispondenza tra documento caricato (offerta economica sottoscritta con firma digitale) e documento generato dal sistema (offerta economica in pdf) e che, invece, non solo non ha segnalato l’errore (mediante messaggio di allarme: !), ma ha dato esito positivo alla verifica della corrispondenza;
VISTO l’avvio dell’istruttoria avvenuto in data 20.3.2015;
VISTA la comunicazione inoltrata dalla Zovam Europe S.r.l. con la quale ribadisce quanto già argomentato nell’istanza presentata e allega copia della mail ricevuta da Acquisti in Rete in data 28.4.2015 con la quale si recepisce l’errore commesso dal sistema telematico nel servizio di verifica dei documenti caricati;
VISTA la comunicazione pervenuta da parte dell’impresa Mindray S.r.l. con la quale richiede aggiudicazione definitiva in proprio favore stante l’esclusione della concorrente ZOVAM Europe S.r.l.;
RILEVATO che sulla questione può decidersi ai sensi dell’art. 8 del Regolamento sull’esercizio della funzione di componimento delle controversie di cui all’art. 6, comma 7, lett. n) del d.lgs. 163/2006;
CONSIDERATO quanto richiesto dalle parti istanti, precisamente se «la manifestazione di volontà dell’operatore ZOVAM Europe S.r.l. coincida con l’offerta economica generata dal sistema informatico ME.PA. sulla base dei dati immessi dal medesimo operatore e, quindi, senza fare ricorso ad alcuna attività interpretativa, si possa consentire l’aggiudicazione, poiché l’importo che avrebbe validità è quello che è stato indicato in via telematica, previa acquisizione del file riguardante l’offerta sottoscritta con firma digitale»;
RILEVATO che nel caso in esame risulta che, sulla base di quanto precisato da Consip nella mail prodotta dalla Zovam Europe S.r.l., probabilmente si è verificato un errore nel servizio di verifica dei documenti caricati, in quanto il sistema non ha generato alcun messaggio di allarme, ma che anche in caso di errore segnalato dal sistema, lo stesso non blocca la sottomissione di un’offerta economica diversa;
CONSIDERATO che, relativamente all’offerta economica dell’impresa in questione, risulta dalla consultazione effettuata ai log di sistema, alla verifica della corrispondenza tra documento caricato e documento generato la seguente dicitura: “Il file Offerta economica Zovam Europe srl T250499L1PdF_fd_doc-t269432i0p562699l1f2ric1340973ris1616922.p7m deve essere firmato: - esito: [Cod. 1], verifica la corrispondenza tra documento caricato e documento generato dal sistema. (msg interno) – l’esito positivo”;
TENUTO CONTO che, secondo la sezione Guida alla risposta di una RDO (Manuale d’uso del Sistema di E-procurement per imprese) i fac simile di Offerta economica prodotti dal sistema, mediante selezione “Generazione”, vanno scaricati sul pc, firmati digitalmente e reinseriti a sistema, insieme con ogni altro elemento richiesto dall’amministrazione come obbligatorio;
RILEVATO che ai sensi dell’art. 77, comma 6, lett. b) d.lgs. 163/2006 che, con riferimento ai dispositivi di trasmissione e ricezione elettronica delle offerte e ai dispositivi di ricezione elettronica delle domande di partecipazione, prescrive che le offerte presentate per via telematica possono essere effettuate solo utilizzando la firma elettronica digitale come definita e disciplinata dal decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82;
RILEVATO che dalla ricostruzione dei fatti operata dalle parti nonché dalla documentazione versata in atti, risulta che l’operatore Zovam Europe S.r.l. da una parte abbia di fatto presentato la propria offerta economica in contrasto con quanto previsto dall’art. 74, comma 2 d.lgs. 163/2006 in quanto, come evidenziato dalla stazione appaltante, si riferisce ad altra RDO indetta da diversa stazione appaltante, con conseguente mancata corrispondenza tra le prestazioni descritte nell’offerta (n. 10 pulsossimetri) e l’oggetto del contratto da aggiudicare (n. 43 monitor multiparametrici e di n. 3 centrali di monitoraggio), dall’altra il documento pdf generato secondo le indicazioni sopra descritte, risulti comunque privo di firma digitale;
RITENUTO pertanto che l’omessa sottoscrizione digitale dell’offerta economica della Zovam Europe S.r.l. non può trovare utile “soccorso” mediante recupero del contenuto dell’offerta economica seppur correttamente compilata, ma che si riferisce a tutt’altra RDO,

Il Consiglio

ritiene, nei limiti di cui in motivazione, che sia legittima l’esclusione disposta a carico dell’operatore Zovam Europe S.r.l. in violazione degli articoli 74, comma 2 e 77, comma 6 del d.lgs. 163/2006.

Il Presidente f.f.
Francesco Merloni

Depositato presso la Segreteria del Consiglio in data 30 dicembre 2015
Per il segretario, Valentina Angelucci

Formato pdf – 254 kb