Comunicato alle S.O.A. n. 16

Prot. 52914/01/segr.

A tutte le SOA autorizzate

Loro sedi

Oggetto: Indicazioni in merito alla trasmissione dei dati al casellario informatico

Alcune SOA hanno formulato quesiti in merito alla  trasmissione dei dati al casellario informatico di cui all’articolo 27 del DPR 34/2000 sulla base del Sw consegnato nell’incontro del 20 luglio u.s.

In merito a tali richieste in primo luogo si conferma quanto già comunicato in più occasioni:

a) i dati delle attestazioni rilasciate, qualsiasi sia la data del rilascio, devono essere trasmessi dalle SOA con la procedura concordata nell’incontro del 20 luglio u.s.;

b) i dati da trasmettere sono quelli riportati nella documentazione, indicata nel DPR 34/2000 e nelle determinazione dell’Autorità, presentata dall’impresa e che la SOA ha preso in considerazione e valutata ai fini del rilascio dell’attestazione;

c) i dati di cui alle lettere da n) ad s) dell’articolo 27, comma 2, del DPR 34/2000 sono di competenza dell’Autorità;

d) il modello di attestazione predisposto dall’Autorità contiene la indicazione “sostituisce l’attestazione n…/…..” dicitura da completare in caso di rilascio di una attestazione che, fermo restando la data di scadenza, modifica una precedente attestazione; in tal caso nel rilasciare la nuova attestazione la SOA deve provvedere a ritirare la vecchia attestazione;

Pertanto, in base alla indicazione di cui alla precedente lettera b), è stabilito:

a) la cifra d’affari in lavori, il costo del personale, il costo degli ammortamenti, l’importo dei lavori eseguiti da trasmettere sono quelli effettivi senza, cioè, tener conto della eventuale rideterminazione ai sensi dell’articolo 18, comma 15, del DPR 34/2000 e dell’eventuale applicazione dell’incremento convenzionale premiante ai sensi dell’articolo 19 del suddetto decreto;

b) la data di iscrizione alla CCIAA da trasmettere é esclusivamente quella riportata nel relativo certificato e non deve essere comunicata la data di effettivo inizio dell’attività dell’impresa anche se questa è diversa da quella riportata nel certificato;

c) nella sezione “organi di rappresentanza” (sintesi della indicazione “organi con poteri di rappresentanza” di cui all’articolo 27, comma 2, lettera b) del DPR 34/2000) vanno riportati i nominativi degli eventuali soggetti che hanno poteri di rappresentanza dell’impresa e che siano diversi dal legale rappresentante;

d) nella sezione “categorie e classifiche di qualificazione” il codice fiscale del direttore tecnico va riportato esclusivamente se la classifica è stata attribuita ai sensi dell’articolo 18, comma 14, del DPR 34/2000;

e) nella sezione “importo dei versamenti contributivi” va riportata la data iniziale del periodo di riferimento della relativa documentazione;

f) la compilazione del campo relativo alla iscrizione all’albo professionale del direttore tecnico dell’impresa è obbligatoria qualora l’attestazione sia stata rilasciata per la progettazione e la esecuzione;

g) l’indirizzo dei legali rappresentanti, dei direttori tecnici e dei soggetti facenti parte degli “organi con poteri di rappresentanza” è quello del soggetto attestato;

h) gli importi dei versamenti INPS, INAIL e Casse Edili da trasmettere al casellario informatico sono quelli effettivamente versati (importi determinati per cassa).


Con l’occasione si precisa:

a) le SOA, fino ad apposita comunicazione da parte di questo ufficio, devono inviare all’Autorità, secondo le modalità previste dalla determinazione n.50/2000, i dati relativi ai contratti stipulati ed alle attestazioni rilasciate;

b) il sistema consente di comunicare le variazioni apportate all’oggetto di contratti in corso di esecuzione variando i dati (categorie e classifiche richieste) gia trasmessi e ciò in quanto ai fini dell’attività di vigilanza dell’Autorità conta l’oggetto finale del contratto e la sua correlazione con l’attestazione rilasciata;

c) il sistema considera i contratti stipulati per apportare modifiche (variazioni minime, nuove categorie, nuove classifiche) all’attestazione già rilasciata ed in corso di validità come nuovi contratti; in tal caso le SOA dovranno ritrasmettere i tutti i dati (cifra d’affari, ammortamenti, costo del lavoro, importo dei lavori eseguiti, ecc. ecc.) aggiornati con riferimento alla attestazione sostitutiva della precedente;

d) il sistema consente, prima di inviare i dati all’Autorità, di modificare, ove sia stato inserito in modo errato, il codice fiscale dell’impresa attestata; poiché, però, il dato errato resta in memoria, nei prossimi giorni sarà inviata una fix che permetterà la cancellazione del dato erroneamente inserito;

e) la fix di cui alla lettera d) permetterà di inserire nel campo relativo al numero di contratto anche caratteri alfanumerici e prevederà, al fine di permettere da parte dell’Autorità una più immediata verifica dell’attestazione rilasciata, l’inserimento di un campo aggiuntivo riguardante la percentuale dell’incentivo premiante di cui all’articolo 19 del DPR 34/2000.

Roma, 10 ottobre 2001

Il Dirigente Generale

Emilio Pascale