Delibera numero 781 del 04 settembre 2019

Aggiornamento dell’elenco dei soggetti aggregatori

Delibera n. 781 del 4 settembre 2019

Aggiornamento dell’elenco dei soggetti aggregatori

IL CONSIGLIO
 

Nell’odierna adunanza

VISTO l’articolo 9 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66, convertito dalla legge 23 giugno 2014, n. 89, recante le disposizioni in materia di acquisizione di beni e servizi attraverso soggetti aggregatori e prezzi di riferimento che, al comma 1, istituisce, nell’ambito dell’Anagrafe unica delle stazioni appaltanti, operante presso l’Autorità Nazionale Anticorruzione, l’Elenco dei soggetti aggregatori di cui fanno parte Consip S.p.A. e una centrale di committenza per ciascuna Regione, qualora costituita ai sensi dell’articolo 1, comma 455, della legge 27 dicembre 2006, n. 296;

VISTO l’articolo 3, comma 1, lett. n), del decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50, recante il nuovo Codice dei contratti pubblici, che individua il ‹‹soggetto aggregatore» tra le centrali di committenza iscritte nell’elenco istituito ai sensi dell’articolo 9, comma 1, del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66, convertito, con modificazioni, dalla legge 23 giugno 2014, n. 89;

VISTO il decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50, che all’articolo 213, comma 16, conferma l’istituzione dell’Elenco dei soggetti aggregatori nell’ambito dell’Anagrafe unica delle stazioni appaltanti operante presso l’Autorità Nazionale Anticorruzione;

VISTO il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 11 novembre 2014, che all’articolo 5 prevede che l’ANAC entro il 30 settembre 2017 e, successivamente, ogni tre anni, procede all’aggiornamento dell’elenco. A tal fine, i soggetti aggregatori già iscritti - con esclusione di Consip e dei soggetti aggregatori individuati dalle regioni di riferimento per i quali la stessa regione provvede a comunicare contestualmente eventuali modifiche - che intendano mantenere l’iscrizione all’elenco, ovvero i soggetti in possesso dei requisiti di cui all’art. 2 e non iscritti all’elenco, inviano, secondo le modalità operative di cui all’art. 3, comma 1, la relativa richiesta all’ANAC che procede all’aggiornamento con le modalità di cui all’art. 4;

VISTA la Determinazione ANAC n. 2 dell’11 febbraio 2015, recante le modalità operative per la presentazione delle richieste di iscrizione;

VISTA la Delibera ANAC del 17 gennaio 2018, n. 31, recante "Aggiornamento dell'elenco dei soggetti aggregatori di cui all'articolo 9, comma 2, del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66, convertito, con modificazione, dalla legge 23 giugno 2014, n. 89";

VISTE le istanze di aggiornamento pervenute da parte della Regione Abruzzo, della Regione Sardegna e della Regione Lombardia, agli atti dell’Autorità;

VALUTATO quanto emerso e considerato nella relazione dell’Ufficio istruttore;

DELIBERA
 

di approvare l’aggiornamento dell’elenco dei soggetti aggregatori, nei termini seguenti:

• Consip S.p.a.;

• per la Regione Abruzzo: Agenzia Regionale per l’Informatica e la Committenza – ARIC;

• per la Regione Basilicata: Stazione Unica Appaltante Basilicata;

• per la Regione Calabria: Stazione Unica Appaltante Calabria;

• per la Regione Campania: So.Re.Sa. S.p.a.;

• per la Regione Emilia Romagna: Agenzia Regionale Intercent-ER;

• per la Regione Friuli Venezia Giulia: Centrale Unica di Committenza – Soggetto Aggregatore Regionale;

• per la Regione Lazio: Direzione Centrale acquisti della Regione Lazio;

• per la Regione Liguria: Stazione Unica Appaltante Liguria;

• per la Regione Lombardia: ARIA S.p.a.;

• per la Regione Marche: Stazione Unica Appaltante Marche;

• per la Regione Molise: Servizio regionale Centrale Unica di Committenza del Molise;

• per la Regione Piemonte: SCR – Società di Committenza Regione Piemonte S.p.a.;

• per la Regione Puglia: InnovaPuglia S.p.a.;

• per la Regione Sardegna: Direzione generale della Centrale Regionale di Committenza;

• per la Regione Sicilia: Centrale Unica di Committenza regionale;

• per la Regione Toscana: Regione Toscana - Dir. Gen. Organizzazione - Settore Contratti;

• per la Regione Umbria: CRAS – Centrale Regionale per gli Acquisti in Sanità;

• per la Regione Valle d’Aosta: IN.VA. S.p.a.;

• per la Regione Veneto: UOC - CRAV di Azienda Zero;

• per la Provincia Autonoma di Bolzano: Agenzia per i procedimenti e la vigilanza in materia di contratti pubblici di lavori, servizi e forniture;

• per la Provincia Autonoma di Trento: Agenzia provinciale per gli appalti e contratti;

• Provincia di Vicenza;

• Provincia di Brescia;

• Città metropolitana di Bologna;

• Città metropolitana di Genova;

• Città metropolitana di Milano,

• Città metropolitana di Napoli;

• Città metropolitana di Roma capitale;

• Città metropolitana di Torino;

• Città metropolitana di Catania;

• Città metropolitana di Firenze.

 

Per il Presidente

il Consigliere Francesco Merloni

Depositato presso la Segreteria del Consiglio in data: 18 settembre 2019

Il Segretario, Rosetta Greco

Formato pdf 195 kb