Orientamento numero 16 del 06 maggio 2015

Parole chiave: Anticorruzione – art. 1, comma 2, lett. b) e art. 7, comma 2 lett. c) del d.lgs. 39/2013 – Incarico di commissario straordinario di un’azienda speciale consortile – Carica di presidente del medesimo ente pubblico – Inconferibilità – Sussistenza.

Materia: anticorruzione

Sussiste l’ipotesi di inconferibilità prevista dall’art. 7, comma 2 lett. c) del d.lgs. n. 39/2013, nei casi in cui venga conferito un incarico di presidente di un’azienda speciale consortile a colui che, nei due anni precedenti abbia ricoperto o attualmente ricopra la carica di commissario straordinario del medesimo ente. Le aziende speciali costituite per la gestione delle aree naturali protette (ai sensi del d.lgs. 267/2000), sono, infatti, qualificabili come enti pubblici economici e vanno ricondotte, ai fini dell’applicabilità del d.lgs. 39/2013, nella definizione di “ente pubblico” contenuta nell’art. 1, comma 2, lett. b) del predetto decreto legislativo.