FVOE

(Aggiornate al 30 agosto 2017).
Sono state elaborate le presenti FAQ finalizzate a chiarire il funzionamento del sistema FVOE riproponendo quelle rimaste valide rispetto al vecchio sistema AVCpass.

FAQ RILEVATE NELL'AMBITO DEL SUPPORTO TECNICO SPECIALISTICO AVCpass

A - Aspetti Generali

Il nuovo sistema AVCPASS permette alle Stazioni Appaltanti e agli Enti aggiudicatori l’acquisizione dei documenti a comprova del possesso dei requisiti di carattere generale, tecnico-organizzativo ed economico-finanziario per l’affidamento dei contratti pubblici.

Agli Operatori Economici permette di inserire a sistema i documenti la cui produzione è a proprio carico ai sensi dell’art. 6-bis, comma 4, del Codice. L'operatore economico può utilizzare tali documenti per ciascuna delle procedure di affidamento alle quali partecipa, entro il periodo di validità del documento.

E' possibile richiedere informazioni o assistenza in merito a problematiche tecnico-specialistiche legate all'utilizzo dell'applicazione AVCPASS al numero verde 800-896936 attivo dal lunedì al venerdì dalle ore 8.00 alle ore 18.00, oppure tramite modulo Web all’indirizzo http://supportcenter.anticorruzione.it.

In SIMOG non sono più consentite operazioni di modifica dei dati dopo che il responsabile ha confermato in AVCpass l'apertura delle operazioni di acquisizione dei partecipanti.

La procedura torna disponibile nel sistema SIMOG dopo che il responsabile ha dichiarato in AVCpass l'aggiudicazione definitiva efficace o l'annullamento della gara.

B - Registrazione

Il Responsabile del procedimento già abilitato può accedere al sistema AVCPASS utilizzando le credenziali di cui è già in possesso per l'accesso agli altri servizi ANAC.

I soggetti, diversi dal Responsabile del procedimento, tenuti alla verifica dei requisiti devono registrarsi utilizzando l'apposito link "Registrazione" presente nella sezione "Servizi ad accesso riservato" del portale ANAC.

Il Responsabile del Procedimento comunica al sistema AVCPass i riferimenti dei soggetti abilitati alla verifica dei requisiti. Tali soggetti, se non già iscritti al servizio, riceveranno un messaggio via PEC, all’indirizzo indicato dal Responsabile del Procedimento, con l’invito a completare la fase di registrazione e acquisizione delle credenziali di accesso.

Il Responsabile del procedimento già abilitato può accedere al sistema AVCPASS utilizzando le credenziali di accesso agli altri servizi ANAC.

L'amministratore/legale rappresentante tenuto alla creazione del PassOE per la verifica dei requisiti deve registrarsi utilizzando l'apposito link "Registrazione" presente nella sezione "Servizi ad accesso riservato" del portale ANAC. Una volta ottenute le credenziali di accesso al servizio è necessario accedere al portale http://servizi.avcp.it  e creare il profilo di "Amministratore OE".

SI. L'amministratore/legale rappresentante dell'operatore economico, già abilitato all'utilizzo del servizio Riscossione Contributi deve accedere al portale http://servizi.avcp.it  e creare il profilo di "Amministratore OE".

Una volta ottenuta l'autorizzazione il soggetto già registrato può accedere al Sistema AVCPass utilizzando le credenziali di accesso al servizio Riscossione Contributi.

No. Ai fini dell'accesso al sistema è necessaria la preventiva registrazione ai sistemi AVCP e l'ottenimento di un profilo idoneo. E' disponibile sul sito dell'Autorità una demo che consente ai diversi soggetti di poter acquisire dimestichezza con la procedura.

No, non occorre che il RUP si nomini Responsabile della Verifica dei Requisiti.

Si, per riattivare un profilo di Responsabile delle Verifiche disattivato il RUP deve utilizzare la funzionalità "Riattiva" della sezione "Gestione utenti" di AVCpass.

C - Delibera

Si. L'art. 3 della Deliberazione dell’Autorità n. 111/2012 (così come aggiornata con Delibera .n.157 del 17/2/2016.) impone che ciascuno dei soggetti tenuto alla verifica dei requisiti disponga di un indirizzo PEC personale essenziale per il perfezionamento delle procedure di autenticazione/autorizzazione.

Si fa presente che i fascicoli di gara, i dati e i documenti in essi contenuti saranno trasmessi alla stazione appaltante/ente aggiudicatore per il tramite della PEC relativa all'Area Organizzativa Omogenea di Protocollo di appartenenza.

Si. L'art. 3 della Deliberazione dell’Autorità n. 111/2012 2012 ( così come aggiornata con Delibera .n.157 del 17/2/2016.) impone che l'amministratore/legale rappresentante dell'operatore economico e l'eventuale delegato dispongano di un indirizzo PEC personale essenziale per il perfezionamento delle procedure di autenticazione/autorizzazione dei soggetti tenuti all'utilizzo del sistema AVCPASS.

Consulta il Manuale Utente AVCPASS

Per gli appalti di lavori, servizi e forniture di importo a base d’asta pari o superiore a € 40.000,00, con esclusione di quelli svolti attraverso procedure interamente gestite con sistemi telematici, sistemi dinamici di acquisizione o mediante ricorso al mercato elettronico, nonché quelli relativi ai settori speciali, il regime di obbligatorietà decorre a far data dal 1 gennaio luglio 2014.

La data di decorrenza si riferisce alla data di pubblicazione del bando o dell'avviso di gara e, per le procedure senza pubblicazione di bandi o avvisi, alla data di invio degli inviti a presentare offerta.

Ai sensi dell'art. 4, commi 9, 10 e 11 della Deliberazione dell'Autorità n. 111/2012, il Responsabile del Procedimento deve trasferire definitivamente sui sistemi della stazione appaltante di appartenenza, mediante l’apposita funzionalità, i fascicoli di gara e i documenti in essi contenuti entro il termine di 60 giorni dalla data dell’aggiudicazione definitiva ed efficace di ciascuna procedura di affidamento gestita tramite AVCPASS; trascorsi 4 giorni dalla scadenza del termine per l’acquisizione dei documenti, l’Autorità procede ad inviare la documentazione via PEC alla Stazione Appaltante/Ente Aggiudicatore ed alla parallela cancellazione del fascicolo con tutta la documentazione a corredo.

Per quanto concerne l'OE la Libreria Virtuale a disposizione per raccogliere la documentazione di gara ha uno spazio limitato e pertanto è onere dell'OE monitorare la disponibilità residua al fine di procedere alla corretta archiviazione dei documenti.

Le apposite convenzioni sottoscritte e/o in corso di sottoscrizione con gli EC ricompresi nel processo prevedono ogni aspetto di interesse, dalle tempistiche di aggiornamento alla gestione dei contenuti; in tal senso il problema non ricade sull'OE, ma piuttosto laddove siano necessarie precisazioni in ordine alla documentazione messa a disposizione mediante i servizi di cooperazione applicativa, provvederà la SA a richiedere gli opportuni chiarimenti.

Si precisa peraltro che ANAC non è in alcun modo responsabile dei tempi di espletamento dei procedimenti amministrativi di competenza enti terzi.

SI. Nel caso di procedure in forma semplificata (per le quali sia possibile prendere un CIG in forma semplificata), laddove si proceda alla verifica dei requisiti secondo quanto previsto dall'art. 6-bis del Codice appalti è necessario richiedere il CIG mediante accesso al sistema SIMOG, in luogo del CIG semplificato rilasciato dal Sistema per il rilascio del CIG in modalità semplificata.

Inoltre , sempre in Simog bisogna selezionare a NO il flag ‘Gara esclusa dall'acquisizione obbligatoria dei requisiti ai fini AVCpass’

D - AVCpass Operatore Economico

SI.E' necessario che i documenti caricati nella Libreria Virtuale da parte dell’operatore economico siano preventivamente firmati digitalmente dall’Amministratore dell’Operatore Economico/Delegato dell’Operatore Economico.

No. Il PassOE rappresenta lo strumento necessario per procedere alla verifica dei requisiti stessi da parte delle stazioni appaltanti/enti aggiudicatori.

Resta fermo l’obbligo per l’operatore economico di presentare le autocertificazioni richieste dalla normativa vigente in ordine al possesso dei requisiti per la partecipazione alla procedura di affidamento.

Così come precisato nelle norme transitorie, art. 9 della Deliberazione AVCP n. 111/2011, ( così come aggiornata con Delibera .n.157 del 17/2/2016.) in via transitoria i certificati indicati all’articolo 6, comma 3, lett. c) della Deliberazione dell'Autorità n.111/2012 sono inseriti nel sistema dagli operatori economici.

In mancanza di detti certificati, gli operatori economici possono inserire nel sistema le fatture relative alla suddetta avvenuta esecuzione indicando, ove disponibile, il CIG del contratto cui si riferiscono, l’oggetto del contratto stesso e il relativo importo, il nominativo del contraente pubblico e la data di stipula del contratto stesso.

Il sistema AVCPASS non svolge alcuna verifica sulla correttezza formale e di merito dei documenti trasmessi dall'OE alla SA, ivi incluse le verifiche riguardanti il rispetto dei termini di trasmissione.

NO Il sistema AVCPASS non può essere considerato come mezzo di notifica; le notifiche devono essere espletate dalla SA secondo le consuete modalità previste dalla normativa vigente.

La documentazione trasmessa dall'OE alla SA non è alterabile in alcun modo; richieste di integrazione/chiarimento da parte della SA possono intervenire ai sensi della normativa vigente.

Si, a riprova dell'avvenuto pagamento gli operatori economici sono sempre tenuti ad allegare all’offerta la ricevuta di pagamento del contributo versato in favore dell’Autorità.

Si, per accedere alla componente AVCpass Operatore Economico gli utenti devono aver inserito e certificato la PEC personale nella sezione “Dati personali” – “Contatti”.

SI. Le stazioni appaltanti devono verificare in ogni caso il possesso dei requisiti tramite AVCpass, salvo il caso in cui gli operatori economici esteri siano legittimamente sprovvisti e non intendano dotarsi di PEC e firma digitale.

E - AVCpass Stazione Appaltante

L'accesso agli atti, sia nel corso della procedura di aggiudicazione, sia nelle fasi successive, deve essere effettuato da parte degli interessati presso la SA titolare del procedimento.

La SA effettua la verifica dei requisiti mediante la visualizzazione al sistema AVCPASS dei documenti trasmessi dall’OE o messi a disposizione dagli EC.

In caso di necessità di integrazione di documenti e/o richiesta di chiarimenti la SA può effettuare una nuova istanza all’OE o agli EC tramite sistema, i quali rendono disponibili i documenti richiesti.

Il PassOE identifica il partecipante (eventualmente nella sua composizione di diverse imprese) ed i lotti, appartenenti alla medesima gara, cui questi partecipa.

La stazione appaltante deve dichiarare al sistema AVCPASS la conformità o meno dell'effettivo assetto del partecipante rispetto alla modalità con cui quest'ultimo si è presentato in gara risultante dall'offerta o dalla domanda di partecipazione e deve confermare il lotto o i lotti ai quali l'offerta si riferisce.

Si, è possibile verificare il mantenimento del possesso dei requisiti tramite AVCpass prima della stipula dei contratti applicativi basati su convenzioni, accordi quadro o altre fattispecie simili.

AVCpass consente la verifica del possesso dei soli requisiti per i quali il soggetto abilitato abbia presentato la richiesta dei documenti.

E' dunque possibile escludere dalla verifica i requisiti per i quali la stazione appaltante ritenga di avere già documentazione a comprova.

No, i PassOE creati da imprese che non hanno presentato offerta non devono essere acquisiti a sistema.

FAQ PER AVCPASS STAZIONE APPALTANTE

Introduzione.
Il sistema AVCpass consente alle Stazioni Appaltanti (SA)/Enti Aggiudicatori, attraverso l’interfaccia web e le cooperazioni applicative con gli Enti Certificatori, l’acquisizione della documentazione comprovante il possesso dei requisiti di carattere generale, tecnico-organizzativo ed economico-finanziario per l’affidamento degli appalti.

In particolare, la Stazione Appaltante/Ente Aggiudicatore, dopo la registrazione al sistema SIMOG, acquisisce, per ciascuna procedura di affidamento, il CIG, tramite il Responsabile del Procedimento, il quale indica il soggetto abilitato alla verifica dei requisiti.

F - Creazione Della Gara

Il sistema AVCPASS si applica a tutte le tipologie di procedure disciplinate dal Codice dei Contratti Pubblici per le quali è previsto il rilascio del CIG attraverso il sistema SIMOG.

Per le procedure di scelta del contraente per le quali è consentito il rilascio del CIG in forma semplificata l’utilizzo del servizio AVCPASS comporta l’acquisizione del CIG attraverso il Sistema SIMOG, in luogo di quello rilasciato in forma semplificata.

Ove sia già stato rilasciato un CIG in forma semplificata, questo va preventivamente cancellato.

Tutte le comunicazioni di notifica o l'invio di credenziali sono effettuate, nell’ambito del sistema AVCPASS, tramite PEC.

L’accesso al sistema AVCPASS è consentito esclusivamente al Responsabile del Procedimento ed al/ai soggetto/i abilitato/i alla verifica dei requisiti, a partire dalla scadenza del termine per la presentazione delle offerte, così come dichiarato sul sistema SIMOG.

Per commissione di gara ci si riferisce al/ai soggetto/i che si occupa/ano delle verifiche dei requisiti, unicamente in relazione a quanto disposto dall’art 84 D.lgs. 163-2006.

SI. Il Responsabile del Procedimento può essere il soggetto o rientrare tra i soggetti che si occupano delle verifiche, ed opera come RUP.

SI. E' possibile modificare i requisiti precedentemente inseriti relativamente ad una gara, ma tale attività può essere effettuata solo tramite Contact Center.

Il perfezionamento è previsto , indipendentemente dalla procedura adottata e dalla tipologia di contratto che la stazione appaltante intende affidare.

Al perfezionamento deve provvedere il RUP (art. 10 commi 1 e 9 D.Lgs. 163/2006.

La voce “Esclusione” deve essere selezionata quando il requisito di partecipazione è richiesto dalla stazione appaltante a pena di esclusione.

La voce “Riservatezza” deve essere selezionata quando per la comprova del requisito deve essere acquisita documentazione il cui contenuto ha carattere riservato.

G - Gestione Della Seduta

Una procedura di gara può essere annullata in qualsiasi momento, purché l’annullamento sia effettuato da chi ricopre il ruolo di Responsabile del Procedimento.

H - Acquisizione Partecipante

Si, in caso di esclusione di un partecipante è possibile inserire la relativa motivazione a sistema.

Lo stato di un partecipante indica la condizione di ammissibilità della sua offerta. Lo stato può avere tre valori "Ammesso", "Ammesso con Riserva", "Escluso".

Si, il sistema permette la modifica dello stato di un partecipante precedentemente inserito in qualsiasi momento.

Si, l’utente abilitato, in caso di non presenza del PassOE può inserire manualmente un nuovo partecipante.

SI.

No, il sistema AVCPASS acquisisce la richiesta e restituisce all'Utente la conferma di presa in carico.

Successivamente l'Utente può accedere e verificare lo stato di avanzamento delle richieste effettuate, prelevando il documento quando il processo di acquisizione dall'Ente Certificante è stato completato.

NO. Il PASSOE è presupposto affinché l’o.e. possa essere verificato attraverso il sistema AVCpass, tuttavia la mancata inclusione del suddetto documento non costituisce causa di esclusione.

No, la stazione appaltante non può eliminare un Pass OE acquisito per errore.

Per la corretta compilazione della graduatoria, lo “stato partecipante” del Pass OE da eliminare deve essere modificato in “escluso”.

Attivando la funzione “Comprova requisiti” e selezionando il partecipante compare a sistema il bottone “Modifica stato partecipante”.

No, non è possibile acquisire un PassOE dopo aver chiuso la fase "Acquisizione partecipante" se il partecipante non è stato prima inserito manualmente attraverso la funzione “Acquisisci partecipante senza pass”.

Lo stato del PassOE dichiarato "non conforme" può essere modificato riacquisendo il nuovo PassOE generato dal partecipante accedendo alla sezione "Gestione partecipanti".

La stazione appaltante può acquisire il PassOE di un partecipante anche se presenta la denominazione dell’operatore economico non aggiornata o non corretta, in quanto ciò che identifica univocamente l’operatore economico è il codice fiscale.

I - Comprova Dei Requisiti

Indicativamente i documenti messi a disposizione sono: - Visura Registro delle Imprese fornita da Unioncamere. - Certificato del casellario giudiziale integrale fornito dal Ministero della Giustizia.

- Anagrafe delle sanzioni amministrative – selettivo ex art. 39 D.P.R. n. 313/2002 dell’impresa, fornita dal Ministero della Giustizia. - Certificato di regolarità contributiva di ingegneri, architetti e studi associati, dalla Cassa Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli Ingegneri ed Architetti Liberi Professionisti (Inarcassa). - Comunicazione di regolarità fiscale fornito dall’Agenzia delle Entrate.

- Comunicazione Antimafia fornita dal Ministero dell’Interno. Si precisa che la disponibilità dei suddetti documenti è condizionata alla sottoscrizione di apposite convenzioni tra ANAC e gli Enti Certificanti.

Per le procedure di affidamento per appalti con importo a base d'asta uguale o superiore a 40.000 euro, di cui alle lettere a) e b) del Comunicato del Presidente dell’Autorità avente ad oggetto “Modifiche alla deliberazione n. 111 del 20 dicembre 2012 per l’“Attuazione dell’art. 6-bis del d.lgs. 163/2006 introdotto dall'art. 20, comma 1, lettera a), legge n. 35 del 2012”. (inserire altri comunicati), le Stazioni Appaltanti ed Enti Aggiudicatori avranno l’obbligo di effettuare la verifica dei requisiti di partecipazione attraverso il sistema AVCPASS,

Attraverso una successiva deliberazione dell’Autorità sarà regolamentato l’obbligo di procedere alla verifica dei requisiti attraverso il sistema AVCPASS ” per gli appalti di importo a base d’asta pari o superiore a € 40.000,00 svolti attraverso procedure interamente gestite con sistemi telematici, sistemi dinamici di acquisizione ed il ricorso al mercato elettronico, nonché per i settori speciali, (confronta il Comunicato del Presidente avente ad oggetto “Modifiche alla deliberazione n. 111 del 20 dicembre 2012 per l’“Attuazione dell’art. 6-bis del d.lgs. 163/2006 introdotto dall'art. 20, comma 1, lettera a), legge n. 35 del 2012 e successive modificazioni).

Nelle more della successiva regolamentazione, per questa tipologia di appalti l’utilizzo del sistema AVCpass è facoltativo.

Che il processo di acquisizione ha generato un errore e l'Autorità non effettuerà ulteriori tentativi per recuperare il documento richiesto.

Si, nella sezione "Visualizza Richieste" è possibile visualizzare tutti i dettagli delle richieste effettuate.

Si, il sistema mette a disposizione dell’Utente abilitato la funzionalità di integrazione di una richiesta evasa.

Si, è possibile inserire la graduatoria provvisoria indicando per ciascun partecipante: - posizione in graduatoria - punteggio (opzionale) - prezzo offerto (opzionale).

No, non è possibile indicare la posizione e il punteggio per i partecipanti esclusi (inattivi), che sono comunque visualizzati in calce all’elenco.

La verifica della documentazione ex art. 71 D.P.R. 445/2000 può essere eseguita subito dopo aver acquisito il PassOE del partecipante, attivando la funzione “Comprova Requisiti”.

Le stazioni appaltanti/enti aggiudicatori possono provvedere al recupero di tale documentazione con le modalità previste dall’art. 43 del DPR 445/2000.

ovvero inviando una PEC agli enti certificatori tramite la piattaforma AVCpass.

In tale ultimo caso il documento viene trasmesso alla stazione appaltante richiedente all’indirizzo di posta elettronica certificata indicato al momento della richiesta.

NO: Attraverso AVCpass la stazione appaltante può verificare esclusivamente il versamento del contributo eseguito on –line tramite carta di credito oppure presso le ricevitorie di Lottomatica.

Si, selezionando il requisito da comprovare e attivando la funzione “Altri documenti”.

In questo caso occorre inserire i soggetti da verificare utilizzando la funzione "Aggiunta nuovo soggetto".

Si, associando la comprova ad un altro requisito impostato nel sistema Simog e selezionando la funzione Altri documenti.

Che il processo di acquisizione ha generato un errore e l'Autorità non effettuerà ulteriori tentativi per recuperare il documento richiesto

. In tal caso è opportuno reinoltrare la richiesta verificando che il Numero Attestazione sia indicato nel formato corretto NNNN/NN/NN).

Che il processo di acquisizione ha generato un errore e l'Autorità non effettuerà ulteriori tentativi per recuperare il documento richiesto.

In tal caso è opportuno reinoltrare la richiesta verificando che i dati inseriti siano corretti e che non siano presenti spazi dopo il codice fiscale del soggetto da verificare.

No, non è possibile chiedere documenti di comprova per un partecipante il cui PassOE non sia stato acquisito.

Per visualizzare i documenti restituiti da enti certificatori e operatori economici occorre accedere alla sezione "Comprova requisiti", selezionare l'impresa e raggiungere la sezione "Elenco richieste".

I documenti sono disponibili attivando la funzione "Download" in corrispondenza delle richieste che si trovano in stato "Richiesta evasa".

Qualora i documenti siano stati chiesti attraverso la PEC messa a disposizione dal sistema agli enti certificatori che non hanno attivato convenzioni con l'Autorità, gli stessi saranno recapitati all'indirizzo e-mail indicato in sede di compilazione della richiesta.

La stazione appaltante, e per essa il medesimo utente che ha operato la richiesta su AVCpass, deve accedere alla Banca Dati Nazionale Antimafia (previa registrazione) per ottenere la Comunicazione richiesta.

L - Aggiudicazione

Si, il RUP successivamente all’aggiudicazione provvisoria, può decidere di escludere dall’aggiudicazione definitiva uno o più dei partecipanti attivi nella lista.

Il Responsabile del Procedimento deve trasferire definitivamente sui propri sistemi, mediante l’apposita funzionalità, i fascicoli di gara e i documenti in essi contenuti entro il termine di 60 giorni dalla data dell’aggiudicazione definitiva ed efficace di ciascuna procedura di affidamento gestita tramite AVCPASS.

No, il fascicolo di gara viene cancellato con tutta la documentazione a corredo. Il sistema AVCPASS conserva solo l'impronta elettronica del fascicolo e dei singoli documenti.

Trascorsi 4 giorni dalla scadenza del termine per l’acquisizione dei documenti, l’Autorità procede ad inviare la documentazione via PEC alla Stazione Appaltante/Ente Aggiudicatore.

No. Non è possibile dichiarare l'aggiudicazione se sono presenti partecipanti acquisiti senza Pass o con Pass non conforme.

Occorre attendere la notifica di avvenuta creazione del fascicolo per eseguire il download.

Si rammenta che il fascicolo viene creato solo a condizione che il sistema abbia prodotto almeno un documento a comprova.

M - Delibera PEC

La richiesta di una casella PEC personale è finalizzata ad assicurare il giusto grado di sicurezza e rispetto degli adempimenti in materia di privacy; attraverso tale canale, è previsto infatti lo scambio di informazioni confidenziali (password, credenziali di accesso, etc) che non sarebbero "trasmesse in sicurezza" in caso di inoltro mediante la casella PEC istituzionale della SA.

FAQ PER AVCPASS OPERATORE ECONOMICO

Introduzione.
Il sistema AVCpass consente ai soggetti, coinvolti a diverso titolo nelle procedure di gara pubbliche, di interagire e scambiare informazioni necessarie in tempi ridotti.

Rispetto al processo tradizionale che prevedeva attività di richiesta/ricezione di documenti cartacei a soggetti diversi ed in modo reiterato nel tempo, il nuovo modello proposto prevede la disponibilità di documenti firmati digitalmente da parte di soggetti autorizzati utili per la comprova dei requisiti di carattere generale, tecnico-organizzativo ed economico-finanziario. In particolare, Il PASSOE rappresenta una nuova entità che consente di mettere in relazione tra loro gli Operatori Economici (OE) partecipanti a raggruppamenti ovvero gli OE che si presentano singolarmente e di relazionarli all'appalto (eventualmente ai diversi CIG del medesimo appalto) a cui partecipano.

Grazie al PassOE, da un lato le Società mandanti possono identificare per ciascuna gara i CIG di interesse e creare il proprio PassOE, dall'altro la mandataria nell’ambito della creazione del proprio PassOE visualizza le società mandanti, procede accettando/rifiutando il mandato e genera il PASSOE complessivo da inviare alla Stazione Appaltante.

Tale sistema consente di semplificare la gestione delle gare con un numero elevato di partecipanti e delle gare multi-lotto, permettendo alla Stazione Appaltante (SA) di: - disporre di tutte le informazioni necessarie relative agli Operatori, senza dover inserire i singoli PassOE di società raggruppate confermando soltanto la composizione dei raggruppamenti ed i relativi ruoli; - utilizzare un’interfaccia unica per gara che consenta di gestire contestualmente tutti i lotti della gara. Tale funzionalità viene garantita anche per Singoli partecipanti.

N - Creazione Pass Operatore Economico

Al fine della creazione del PASSOE è necessario selezionare il ruolo e inserire i dati legati al ruolo prescelto, scegliere il lotto/lotti a cui partecipare, inserire le eventuali richieste di avvalimento (che devono essere confermate al momento della generazione del PASSOE), inserire le eventuali note, confermare, in caso di Mandataria, Capofila, Consorzio l'assetto in gara.

Si. Per caricare, in fase di creazione del PASSOE, un documento non presente nella Libreria è necessario accedere alla sezione "Gestione Libreria" e alla funzionalità "Aggiungi Documenti".

Si, per ricercare il CIG di interesse è necessario accedere al link “Ricerca estesa Lotto/Gara”.

Si precisa che il link permette di effettuare la ricerca sul Portale della Trasparenza che è un sistema esterno ad AVCPASS, pertanto il CIG restituito non verrà automaticamente riportato sul sistema AVCPASS.

Si, è possibile effettuare una selezione multipla di lotti relativi ad una stessa gara.

Il messaggio di errore: "il CIG inserito non esiste o non è stato ancora definito" significa che il CIG o non esiste, o che la data di pubblicazione indicata su SIMOG non è ancora trascorsa, o che la gara in oggetto è scaduta.

Il CIG di una gara è visibile a sistema dalla data di pubblicazione in poi.

L'aggiornamento del sistema avviene il giorno successivo all'esecuzione dell'operazione di perfezionamento/pubblicazione su SIMOG (Faq aggiornata l’8 luglio 2013).

Si, la funzione "Carica Documenti" è disponibile prima della generazione del PASSOE ad esempio nel caso in cui il Responsabile del Procedimento abbia dichiarato su SIMOG che la dimostrazione dei requisiti ricade nella fattispecie prevista in caso di bando ex. art 48 co 1 bis oppure ogni qualvolta l'OE voglia produrre documentazione utile in fase di presentazione dell'offerta.

Si, il PASSOE generato, deve essere stampato e firmato congiuntamente da tutte le mandanti/associate/consorziate ed eventuali ausiliarie prima di inviarlo alla Stazione Appaltante.

No, il PASSOE è inviato alla Stazione Appaltante dalla mandataria/capofila e contiene i dati di tutto il raggruppamento.

Il numero identificativo viene assegnato al momento della generazione del PASSOE.

NO, il sistema non effettua nessun controllo sull'avvenuto pagamento del contributo da parte dell'OE partecipante alla gara.

La verifica del pagamento è in carico alla Stazione Appaltante al momento dell’apertura della busta amministrativa.

No, il sistema non permette di generare il PASSOE sino a quando non è avvenuta la conferma.

Si, l'impresa ausiliaria deve generare il PASSOE.

Ai soli fini della creazione del PassOE, il progettista indicato dal partecipante deve generare la propria componente AVCpass classificandosi come “Mandante in RTI”.

Il partecipante genererà il il PassOE con il ruolo di “Manadataria in RTI”.

Ai soli fini della creazione del PassOE, l’impresa cooptata deve generare la propria componente AVCpass classificandosi come “Mandante in RTI”.

Il partecipante genererà il il PassOE con il ruolo di “Manadataria in RTI”.

Ai soli fini della creazione del PassOE, il subappaltatore indicato dal partecipante deve generare la propria componente AVCpass classificandosi come “Mandante in RTI”.

Il partecipante genererà il il PassOE con il ruolo di “Mandataria in RTI”.

SI. La registrazione ai servizi on line dell’Autorità è necessaria per la creazione del PassOE da consegnare alla stazione appaltante e per il versamento del contributo on line con carta di credito.

Per la registrazione è necessario accedere all’indirizzo http://www.anticorruzione.it/portal/public/classic/Servizi/ServiziOnline/_RegistrazioneProfilazioneU 

L’operatore economico estero deve trasmettere all’indirizzo protocollo@pec.anticorruzione.it i necessari documenti probatori conformi alle normative vigenti nei rispettivi Paesi che attestano l’esistenza dell’impresa nel Paese di provenienza e il ruolo della persona fisica all’interno dell’operatore economico, corredati da traduzione certificata in lingua italiana e, ove possibile, firmati digitalmente.

Per gli operatori economici dell’Unione Europea, se nessun documento o certificato è rilasciato dallo Stato di provenienza, costituisce prova sufficiente una dichiarazione giurata.

Negli Stati membri in cui non esiste siffatta dichiarazione, è sufficiente una dichiarazione resa dall'interessato innanzi a un'autorità giudiziaria o amministrativa competente, a un notaio o a un organismo professionale qualificato a riceverla del Paese di origine o di provenienza.

l sistema risponde con errore in quanto esiste almeno un altro Pass di impresa ausiliaria in lavorazione associato all'assetto del Pass principale.

In tal caso è opportuno che l'impresa ausiliaria elimini i Pass in lavorazione e mantenga soltanto il Pass generato per quell'assetto.

Nella versione attuale del sistema, in caso di partecipanti plurisoggettivi, ciascun operatore economico che compone il partecipante deve provvedere autonomamente all'invio dei documenti alla stazione appaltante per la comprova dei requisiti.

Il pass OE si crea accedendo al servizio AVCpass dedicato agli operatori economici.

Il PassOE si crea attivando la funzione "Creazione pass" ed inserendo le informazioni richieste dal sistema.

Una volta creato, sarà possibile selezionare il PassOE in lavorazione ed attivare la funzione "Genera PassOE".

Nella sezione "Soggetti da accertare" devono essere indicati i soggetti sui quali la stazione appaltante deve poter eseguire le verifiche secondo quanto prescrive la normativa vigente.

Si rammenta che la compilazione di questi dati è facoltativa.

E' possibile generare il PassOE utilizzando il modulo previsto per RTI.

L’impresa ausiliaria genera la propria componente di PassOE selezionando il ruolo di "Mandante in RTI" e l’impresa ausiliata genera il PassOE selezionando il ruolo di "Mandataria in RTI".

Il sistema risponde “E’ obbligatorio indicare il codice fiscale dell’impresa” quando ha accertato che il codice fiscale dell’impresa ausiliata o mandataria inserito sia inferiore ad 11 cifre.

Se l’impresa ausiliata o mandataria ha indicato un codice fiscale di soggetto rappresentato inferiore ad 11 cifre può essere invitata a creare un nuovo profilo inserendo un codice fiscale di soggetto rappresentato di 11 cifre.

O - Gestione Pass Operatore Economico

Si, accendendo alla sezione "Gestione PASSOE" è possibile avere una visione di sintesi dei propri PASSOE.

In particolare è presente una tabella denominata "PASSOE generati" all'interno della quale è possibile visualizzare lo stato dei PASSOE generati e trasmessi alla Stazione Appaltante.

In particolare un PASSOE generato potrà essere: - acquisito dalla Stazione Appaltante e ritenuto Non conforme - acquisito dalla Stazione Appaltante con scadenze pending - acquisito dalla Stazione Appaltante e ritenuto conforme - non ancora acquisito dalla Stazione Appaltante L'acquisizione da parte della Stazione Appaltante nell’ambito della verifica della documentazione amministrativa.

Le funzioni disponibili per un PASSOE in lavorazione sono le seguenti: - Genera: per generare il PASSOE - Modifica: per modificare le informazioni precedentemente inserite - Visualizza/Carica/Modifica Documenti: per visualizzare o modificare i documenti precedentemente caricati e caricarne di nuovi - Elimina: per eliminare il PASSOE - Anteprima: per visualizzare un'anteprima del PASSOE.

No, un PASSOE generato non può essere né eliminato né modificato.

Le operazioni che devono essere svolte in caso di PASSOE non conforme sono distinte a seconda del ruolo che si è selezionato al momento della creazione del PASSOE.

In particolare in caso di: - Operatore Economico individuale/ Impresa Mandante in RTI/ Impresa Associata in ATI/ Operatore Economico in Consorzio semplice/ Operatore Economico in Consorzio Stabile/ Partecipante Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE)/ Impresa Ausiliaria ex. Art.49 del codice è necessario rigenerare il PASSOE tramite la funzione "Clona" presente nella sezione Gestione PASSOE.

- Mandataria/ Capofila/ Consorzio Stabile/ Consorzio semplice è necessario rigenerare il PASSOE attraverso la funzione "Rigenera" presente nella sezione Gestione PASSOE.

E' possibile rigenerare il PASSOE quando risulta non conforme.

E' possibile clonare un PASSOE , quando il PASSOE generato risulta non conforme o comunque ogni qualvolta sia utile per la creazione di un nuovo PASS il riuso delle informazioni contenute in uno già esistente.

No, in caso di rigenerazione del PASSOE non è possibile integrare documenti.

Per "scadenza pending" s'intende che la Stazione Appaltante ha richiesto all'OE l'inserimento della documentazione necessaria per la comprova dei requisiti.

Se si ha un PASSOE acquisito con scadenze pending è necessario selezionare il link "Visualizza Richieste" presente nel PASSOE di interesse.

Sarà possibile visualizzare le richieste della Stazione Appaltante, associare i documenti al requisito da comprovare ed inviarli, immediatamente o in un momento successivo, alla Stazione Appaltante.

Per l’OE , è possibile visualizzare i documenti associati ad un PASSOE accedendo alla sezione "Gestione PASSOE" e in particolare: - per i PASSOE in lavorazione alla funzione "Visualizza, Carica, Modifica Documenti" - per i PASSOE Generati alla funzione "Visualizza PASSOE/Documenti".

Le annotazioni nel casellario informatico dei contratti pubblici, di cui all’art. 7, comma 10, del Codice, sono rese disponibili dall’Autorità nell’ambito del Sistema AVCPASS agli Utenti autorizzati (RP e Commissione di gara).

Gli OE possono visualizzare, attraverso specifico alert, la presenza o meno di annotazioni a proprio carico ma non accedere al testo delle stesse.

Indicativamente i documenti e/o dati di carattere tecnico-organizzativo e economico-finanziario caricati a sistema dagli Enti certificanti sono: - Bilanci delle società di capitali ove disponibili, forniti da parte di Unioncamere - Certificazioni di Sistema di qualità aziendale conforme alle norme europee della serie UNI EN ISO 9000 relative al settore EA28 forniti da Accredia - Fatturato globale e ammortamenti degli operatori economici costituiti in forma d’impresa individuale ovvero società di persone, ove disponibili, forniti da parte dell’Agenzia delle Entrate - Dati relativi alla consistenza e al costo del personale dipendente, forniti da parte dell’Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale (INPS) Si precisa che la disponibilità dei suddetti documenti è condizionata alla sottoscrizione di apposite convenzioni tra ANAC e gli Enti Certificanti.

I documenti e/o dati di carattere tecnico-organizzativo e economico-finanziario che sono caricati a Sistema dall'Autorità sono: - Attestazioni SOA - Certificati Esecuzione Lavori (CEL).

Ciascun operatore economico ha la facoltà di richiedere alla stazione appaltante/ente aggiudicatore l’inserimento nell’apposita banca dati CEL dei certificati che dovessero risultare mancanti, secondo quanto prescritto dal Comunicato del Presidente dell’Autorità del 5 ottobre 2010 - Certificati attestanti l’avvenuta esecuzione di servizi e forniture prestati a favore di amministrazioni o enti pubblici nel momento in cui sarà disponibile il sistema dedicato - Ricevute di pagamento del contributo obbligatorio all’Autorità da parte dei soggetti partecipanti.

E’ necessario ripetere l’operazione attivando il tasto “Invia alla stazione appaltante” dopo aver selezionato il documento.

E’ possibile associare i documenti ai requisiti da comprovare per l’invio alla stazione appaltante anche in assenza di una richiesta pending, selezionando il Pass generato e attivando la funzione “Invia Documenti Stazione Appaltante”, purché il Pass si trovi nello stato “acquisito dalla stazione appaltante”.

Il PassOE in attesa di acquisizione corrisponde al PassOE generato dall'impresa che non è ancora stato acquisito a sistema dalla stazione appaltante.

P - Gestione Libreria

Si, lo spazio che si ha a disposizione all'interno della Libreria Virtuale è limitato.
In particolare, è possibile visualizzare quello utilizzato e quello ancora disponibile.

All'interno della sezione "Gestione del PASSOE" è possibile visualizzare la percentuale di spazio utilizzato.

No, non esiste un limite al numero di documenti caricati all'interno della Libreria Virtuale, c'è solo un limite di spazio.

Il Sistema richiede all'Utente di inserire i dati relativi alla scadenza quando previsto, e dare un eventuale warning, ma non può bloccare il caricamento del documento da parte dell'Utente.

La possibilità di ricercare i documenti in relazione alle note che sono state inserite al momento del caricamento dei documenti nella Libreria Virtuale.

Si, è possibile caricare solo documenti firmati digitalmente.

Al momento del caricamento del documento il Sistema effettua una verifica della validità della firma digitale utilizzata.

Per eliminare un documento all'interno della Libreria Virtuale è necessario accedere alla sezione "Ricerca Documenti", ricercare il documento di interesse ed eliminarlo tramite la relativa funzionalità.

Si, all'interno delle sezioni "Report e Analisi" e "Log operazioni" è possibile visualizzare le principali operazioni e quelle di dettaglio svolte direttamente o da un proprio delegato nell’arco temporale di interesse (ultime 24 ore, ultimi 7 giorni, ultimi 30 giorni, ultimi 60 giorni).

Si applica la normativa vigente e in particolare si faccia riferimento al D.Lgs 82/2005 ed al D.P.R. 445/2000 e relative norme tecniche di attuazione.

Si applica la normativa vigente e in particolare si faccia riferimento al D.Lgs 82/2005 ed al D.P.R. 445/2000 e relative norme tecniche di attuazione.

Il sistema verifica la validità della firma apposta sui documenti e restituisce un warning nel caso in cui il certificato di firma appartenga ad un soggetto diverso dall'Utente connesso; è comunque possibile completare il processo di caricamento dei documenti.